Universo: un grande e complesso ologramma. La teoria è compatibile con i dati sperimentali.

space 1587393 640 300x200 - Universo: un grande e complesso ologramma. La teoria è compatibile con i dati sperimentali.E’ del 27 Gennaio 2017 la pubblicazione su Physical Review di uno studio che ha fornito importanti conferme sulla compatibilità statistica relativamente ai dati sperimentali del modello olografico dell’universo, un modello che assimilerebbe il nostro universo ad un grande e complesso ologramma.

La ricerca, frutto dello sforzo di fisici e astrofisici teorici di Regno Unito, Italia e Canada, della Sezione dell’INFN di Lecce, dell’Università del Salento in Italia, del Perimeter Institute e dell’Università di Waterloo in Canada si basa su una ipotesi formulata negli anni ’90 da diversi scienziati.

“L’idea alla base della teoria olografica dell’universo – spiega Corianò (ricercatore dell’INFN e professore di fisica teorica dell’Università del Salento) – è che tutte le informazioni che costituiscono la ‘realtà’ a tre dimensioni – più il tempo – siano contenute entro i confini di una realtà con una dimensione in meno”.

Proprio come funzionano gli ordinari ologrammi in pratica, in cui una immagine tridimensionale è codificata in una superficie bidimensionale e la dimensione aggiuntiva viene generata a partire dalle informazioni presenti sulle due dimensioni (si potrebbe rappresentare il concetto pensando al cinema in 3D).

Ma come si applica tale teoria in ambito cosmologico?

Ecco, potremmo ipotizzare una rappresentazizone semplificata di tale formulazione olografica immaginando l’esistenza di una superficie ideale in cui tutta l’informazione dell’universo sia registrata, una sorta di lastra che contiene la “scena” di tutto l’universo.

Anche in quest’ultimo caso la dimensione aggiuntiva sarebbe generata a partire dalle informazioni presenti sulle due dimensioni.

Ritornando al punto: la cosa sensazionale è che i risultati dell’analisi dei dati conseguenti da tale teoria sono stati confrontati con i dati sperimentali satellitari sulla radiazione cosmica di fondo (Cosmic Microwave Background, CMB), ed i distinti valori risultanti sono risultati in effetti in accordo.

In accordo quindi sul modello corrente in cui il nostro universo versa in una fase di accelerazione dovuta alla presenza di energia oscura, della presenza della cosiddetta ‘costante cosmologica’ (chiamata Lambda), insieme alla materia oscura fredda (Cold Dark Matter, CDM), – modello che per tale motivo prende il nome di modello Lambda-CDM.

Alcune fonti:

http://journals.aps.org/prl/abstract/10.1103/PhysRevLett.118.041301

https://arxiv.org/abs/1607.04878

Albert Einstein And Niels Bohr
Scienza
La teoria della misurazione di Bohr

Spesso viene da chiedersi: “Cosa realizza la realtà?” Tratto da: Fisica quantistica per curiosi Esistono diverse risposte alla domanda “Cosa realizza la realtà?” e la prima risposta è contenuta nella teoria della misurazione di Bohr (scuola di Copenhagen), riportata nel testo dello studioso “Atomic theory in the description of nature” (Cambridge, 1934). Ed in essa si afferma che la riduzione della funzione d’onda avvenga a livello dello strumento di misura. Quest’ultima è l’interpretazione della meccanica quantistica maggiormente condivisa fra gli studiosi (nessuna speranza quindi che la coscienza dell’osservatore entri in ballo nel processo di realizzazione della realtà). Bohr volle subito eliminare la figura di un osservatore cosciente, e pensò immediatamente come sostituirlo con diversi artifizi. In pochi anni fu quindi messa a punto la versione definitiva della “interpretazione di Copenaghen”, la quale sostituì ad esso una “reazione termodinamica irreversibile”, affinché quindi lo stato non oggettivo potesse diventare uno stato oggettivo. La cosa fa nascere però alcune perplessità: sembrerebbe infatti impossibile che l’esistenza del mondo microscopico debba dipendere da eventi termodinamici irreversibili, ovvero eventi “macroscopici”. Non dovrebbe essere il contrario? Cioè che il macroscopico dipenda dal microscopico? Per questo ed altri motivi, molti fisici tra cui in primis Wigner (ne abbiamo parlato illustrando …

Asteroide
Scienza
Due anni di oscurità: così l’asteroide ha sterminato i dinosauri

Prima l’impatto del gigantesco asteroide, poi i terremoti e gli tsunami. Il cielo si riempie di fuliggine e la Terra sprofonda nell’oscurità per due anni: ecco come i dinosauri si sono estinti 66 milioni di anni fa dalla faccia del pianeta. SCOPERTE – Circa 66 milioni di anni fa un asteroide largo dieci chilometri si è schiantato sulla Terra, nella regione oggi conosciuta come penisola dello Yucatan. L’impatto del gigantesco asteroide ha causato terremoti, tsunami ed eruzioni vulcaniche, ma soprattutto ha sollevato una coltre di fuliggine nell’atmosfera. I cieli si sono ricoperti di un manto nero e per due lunghi anni il pianeta è stato avvolto dall’oscurità. Le piante hanno smesso di eseguire la fotosintesi, il clima è cambiato e per i dinosauri sopravvissuti agli incendi e all’impatto non c’è stato scampo: tre quarti delle specie viventi sono scomparse durante l’estinzione del Cretaceo-Paleocene. Questo è lo scenario che spiega come è avvenuta l’estinzione dei dinosauri nello studio pubblicato sulla rivista Proceedings of the National Academy of Sciences e condotto da Charles Bardeen, scienziato del National Center for Atmospheric Research (NCAR), in collaborazione con i ricercatori della NASA e della University of Colorado a Boulder. I ricercatori hanno stimato la quantità di fuliggine prodotta dagli incendi causati dall’impatto dell’asteroide e sono stati …

ScienzaI libri del blogPassione scritturaCollabora con noi