Teoria del tutto e la sua relazione con il teorema di Gödel

Riusciremo a formulare una “Teoria del tutto” un giorno?

paradosso

Molti fisici sperano in futuro di riuscire ad enunciare una teoria del tutto capace di descrivere l’intera realtà, dall’origine del Cosmo al mistero dei buchi neri. Einstein inseguì questo sogno, ma invano.

Oggi, sono stati fatti passi avanti decisivi in questa direzione.

Il “Sacro Graal” potrebbe avere gli anni contati?

Qualcuno giura di no, ciò a causa di un famosissimo teorema: il teorema dell’incompletezza di Gödel.

Questo è un teorema che mi ha sempre affascinato, e quale occasione migliore per parlarvene se non all’interno della trattazione di una teoria che avrebbe la presunzione di spiegare tutto?

Il teorema di Gödel, in realtà, affermerebbe quasi l’impossibilità di raggiungere un obiettivo del genere.

Freeman Dyson (fisico e matematico britannico ) ha affermato che:

Il teorema di Gödel implica che la matematica pura è inesauribile. Non importa quanti problemi vengono risolti, ci saranno sempre altri problemi che non possono essere risolti con le regole esistenti. […] A causa di questo teorema, anche la fisica è inesauribile. Le leggi della fisica sono un insieme finito di regole e includono quelle della matematica, quindi il teorema di Gödel si applica anche a loro

Stephen Hawking era in origine un forte sostenitore della Teoria del Tutto, ma, dopo aver considerato il Teorema di Gödel, concluse che la cosa sarebbe dovuta essere considerata come non più ottenibile.

Alcune persone si arrabbierebbero molto se non dovesse esistere una teoria definitiva, che possa essere formulata come un numero finito di principi. Io appartenevo a quel gruppo di persone, ma ho cambiato idea.

Ma in dettaglio, cosa enunciò di così interessante Kurt Gödel nel 1931?

Ve lo spiego, e vedrete come con quanta facilità si possa arrivare a minare così a fondo la speranza di ricavare qualcosa di finalmente definitivo e assoluto.

Il teorema di Gödel, mediante dei paradossi, arriva all’autoreferenzialità.

Mi spiego meglio.

Consideriamo, come semplice introduzione a questo argomento ingarbugliato, la poco lineare proposizione: “Questa frase è una bugia”

Ecco, se la proposizione è vera, allora è falsa; e se è falsa, allora è vera.

Micidiale.

Questi paradossi hanno confuso le persone per secoli.

Per dire, ne esiste addirittura una formulazione medioevale:

Socrate: «Ciò che Platone sta per dire è falso».

Platone: «Quello che Socrate ha appena detto è vero».

Il teorema di Gödel ha rappresentato una devastante battuta d’arresto. In campo logico-matematico lo si potrebbe interpretare come un invito a disperare.

Le sue conclusioni fanno addirittura sorgere la questione se sia possibile costruire una macchina calcolatrice che faccia concorrenza alla mente umana.

Eccovi spiegate in poche parole le perplessità esternate da Freeman Dyson e da Stephen Hawking.

Voi cosa ne pensate?

Il mio gatto al momento sospende il giudizio. O almeno così mi è sembrato di intuire.

Tratto da: “Il mio gatto odia Schrödinger

citazione feynman 1 260x160 - Richard Feynman riguardo la fisica quantistica
Citazioni
Richard Feynman riguardo la fisica quantistica

Richard Feynman (IPA: [ˈfaɪnmən]) (New York, 11 maggio 1918 – Los Angeles, 15 febbraio 1988) è stato un fisico e divulgatore scientifico statunitense, Premio Nobel per la fisica nel 1965 per l’elaborazione dell’elettrodinamica quantistica.

eccitonio 260x160 - Un nuovo stato della materia: l’eccitonio
Scienza
Un nuovo stato della materia: l’eccitonio

L’esistenza dell’eccitonio era stata teorizzata cinquant’anni fa, ma fino ad oggi la dimostrazione della sua esistenza continuava a sfuggire agli scienziati RICERCA – Lo stavano cercando da cinquant’anni e alla fine lo hanno osservato per caso. Stiamo parlando dell’eccitonio, una forma di materia la cui esistenza era stata teorizzata da tempo, ma che non era mai stata osservata. La scoperta è stata pubblicata sulla rivista Science. Ad incappare nell’eccitonio è stato un team internazionale di ricercatori guidato da Peter Abbamonte, professore di fisica alla Illinois University, mentre spetta a Jasper van Wezel, professore di fisica della University of Amsterdam l’interpretazione teorica dell’esperimento che ha fornito la conferma della scoperta. “Ricordo che Anshul era molto eccitato dal risultato delle nostre prime misure sul TiSe2. Eravamo nel laboratorio in piedi vicino la lavagna quando mi ha spiegato che avevamo osservato per la prima volta qualcosa che nessuno aveva mai visto prima: un plasmone morbido”. Così Mindy Rak, dottoranda nel team di Abbamonte assiema al collega Kogar Anshul, richiama il momento in cui ha realizzato cosa era emerso dai dati. Il plasmone morbido di cui parla è proprio la prova dell’esistenza dell’eccitonio ed è stato osservato in cristalli di titanio diselenio (TiSe2), un materiale semiconduttore molto studiato …

bolla sistema solare 260x160 - La bolla gigante in cui siamo nati
Scienza
La bolla gigante in cui siamo nati

All’alba di un nuovo anno che inizia novità sull’inizio del Sistema Solare. Gli scienziati dell’Università di Chicago hanno elaborato una nuova teoria esauriente e che racconta la nostra storia, a partire da una bolla gigante in cui spirano potenti venti stellari. SCOPERTE – Immaginate una bolla densa di materia, racchiusa in un involucro e in cui spirano all’interno potenti venti stellari. L’incubatrice in cui sono nati il pianeta Terra e l’intero sistema solare avrebbe avuto proprio questo aspetto miliardi di anni fa. A elaborare una nuova ed esauriente teoria sulla nostra origine nell’universo sono stati i ricercatori dell’Università di Chicago, che si sono concentrati sull’intricato mistero delle diverse abbondanze degli isotopi dell’alluminio e del ferro presenti nel sistema solare. A creare la bolla che ci ha ospitato non sarebbe stata dunque una “semplice” esplosione di supernova, ma bensì una gigante stella di Wolf-Rayett, con una massa tra le 40 e le 50 volte pari a quella del nostro Sole, che era morta da tempo. I ricercatori guidati da Vikram Dwarkadas e Nicolas Dauphas hanno pubblicato il risultato ottenuto sulla rivista The Astrophysical Journal, dove spiegano la loro nuova teoria. Fino ad oggi infatti si riteneva che il sistema solare si fosse formato …

ScienzaI libri del blogPassione scritturaCollabora con noi