Teoria del tutto e la sua relazione con il teorema di Gödel

Riusciremo a formulare una “Teoria del tutto” un giorno?

paradosso

Molti fisici sperano in futuro di riuscire ad enunciare una teoria del tutto capace di descrivere l’intera realtà, dall’origine del Cosmo al mistero dei buchi neri. Einstein inseguì questo sogno, ma invano.

Oggi, sono stati fatti passi avanti decisivi in questa direzione.

Il “Sacro Graal” potrebbe avere gli anni contati?

Qualcuno giura di no, ciò a causa di un famosissimo teorema: il teorema dell’incompletezza di Gödel.

Questo è un teorema che mi ha sempre affascinato, e quale occasione migliore per parlarvene se non all’interno della trattazione di una teoria che avrebbe la presunzione di spiegare tutto?

Il teorema di Gödel, in realtà, affermerebbe quasi l’impossibilità di raggiungere un obiettivo del genere.

Freeman Dyson (fisico e matematico britannico ) ha affermato che:

Il teorema di Gödel implica che la matematica pura è inesauribile. Non importa quanti problemi vengono risolti, ci saranno sempre altri problemi che non possono essere risolti con le regole esistenti. […] A causa di questo teorema, anche la fisica è inesauribile. Le leggi della fisica sono un insieme finito di regole e includono quelle della matematica, quindi il teorema di Gödel si applica anche a loro

Stephen Hawking era in origine un forte sostenitore della Teoria del Tutto, ma, dopo aver considerato il Teorema di Gödel, concluse che la cosa sarebbe dovuta essere considerata come non più ottenibile.

Alcune persone si arrabbierebbero molto se non dovesse esistere una teoria definitiva, che possa essere formulata come un numero finito di principi. Io appartenevo a quel gruppo di persone, ma ho cambiato idea.

Ma in dettaglio, cosa enunciò di così interessante Kurt Gödel nel 1931?

Ve lo spiego, e vedrete come con quanta facilità si possa arrivare a minare così a fondo la speranza di ricavare qualcosa di finalmente definitivo e assoluto.

Il teorema di Gödel, mediante dei paradossi, arriva all’autoreferenzialità.

Mi spiego meglio.

Consideriamo, come semplice introduzione a questo argomento ingarbugliato, la poco lineare proposizione: “Questa frase è una bugia”

Ecco, se la proposizione è vera, allora è falsa; e se è falsa, allora è vera.

Micidiale.

Questi paradossi hanno confuso le persone per secoli.

Per dire, ne esiste addirittura una formulazione medioevale:

Socrate: «Ciò che Platone sta per dire è falso».

Platone: «Quello che Socrate ha appena detto è vero».

Il teorema di Gödel ha rappresentato una devastante battuta d’arresto. In campo logico-matematico lo si potrebbe interpretare come un invito a disperare.

Le sue conclusioni fanno addirittura sorgere la questione se sia possibile costruire una macchina calcolatrice che faccia concorrenza alla mente umana.

Eccovi spiegate in poche parole le perplessità esternate da Freeman Dyson e da Stephen Hawking.

Voi cosa ne pensate?

Il mio gatto al momento sospende il giudizio. O almeno così mi è sembrato di intuire.

Tratto da: “Il mio gatto odia Schrödinger

Albert Einstein And Niels Bohr
Scienza
La teoria della misurazione di Bohr

Spesso viene da chiedersi: “Cosa realizza la realtà?” Tratto da: Fisica quantistica per curiosi Esistono diverse risposte alla domanda “Cosa realizza la realtà?” e la prima risposta è contenuta nella teoria della misurazione di Bohr (scuola di Copenhagen), riportata nel testo dello studioso “Atomic theory in the description of nature” (Cambridge, 1934). Ed in essa si afferma che la riduzione della funzione d’onda avvenga a livello dello strumento di misura. Quest’ultima è l’interpretazione della meccanica quantistica maggiormente condivisa fra gli studiosi (nessuna speranza quindi che la coscienza dell’osservatore entri in ballo nel processo di realizzazione della realtà). Bohr volle subito eliminare la figura di un osservatore cosciente, e pensò immediatamente come sostituirlo con diversi artifizi. In pochi anni fu quindi messa a punto la versione definitiva della “interpretazione di Copenaghen”, la quale sostituì ad esso una “reazione termodinamica irreversibile”, affinché quindi lo stato non oggettivo potesse diventare uno stato oggettivo. La cosa fa nascere però alcune perplessità: sembrerebbe infatti impossibile che l’esistenza del mondo microscopico debba dipendere da eventi termodinamici irreversibili, ovvero eventi “macroscopici”. Non dovrebbe essere il contrario? Cioè che il macroscopico dipenda dal microscopico? Per questo ed altri motivi, molti fisici tra cui in primis Wigner (ne abbiamo parlato illustrando …

Asteroide
Scienza
Due anni di oscurità: così l’asteroide ha sterminato i dinosauri

Prima l’impatto del gigantesco asteroide, poi i terremoti e gli tsunami. Il cielo si riempie di fuliggine e la Terra sprofonda nell’oscurità per due anni: ecco come i dinosauri si sono estinti 66 milioni di anni fa dalla faccia del pianeta. SCOPERTE – Circa 66 milioni di anni fa un asteroide largo dieci chilometri si è schiantato sulla Terra, nella regione oggi conosciuta come penisola dello Yucatan. L’impatto del gigantesco asteroide ha causato terremoti, tsunami ed eruzioni vulcaniche, ma soprattutto ha sollevato una coltre di fuliggine nell’atmosfera. I cieli si sono ricoperti di un manto nero e per due lunghi anni il pianeta è stato avvolto dall’oscurità. Le piante hanno smesso di eseguire la fotosintesi, il clima è cambiato e per i dinosauri sopravvissuti agli incendi e all’impatto non c’è stato scampo: tre quarti delle specie viventi sono scomparse durante l’estinzione del Cretaceo-Paleocene. Questo è lo scenario che spiega come è avvenuta l’estinzione dei dinosauri nello studio pubblicato sulla rivista Proceedings of the National Academy of Sciences e condotto da Charles Bardeen, scienziato del National Center for Atmospheric Research (NCAR), in collaborazione con i ricercatori della NASA e della University of Colorado a Boulder. I ricercatori hanno stimato la quantità di fuliggine prodotta dagli incendi causati dall’impatto dell’asteroide e sono stati …

ScienzaI libri del blogPassione scritturaCollabora con noi