Teletrasporto quantistico: entanglement di fotoni su reti in fibra ottica riuscito

Due gruppi di ricerca sono riusciti a realizzare il primo passo per la realizzazione di reti telematiche quantistiche: un teletrasporto quantistico.

Il tutto sfruttando l’entanglement di fotoni su reti in fibra ottica nella città di Hefei, in Cina, e e di Calgary, in Canada.

Ma cos’è l’entanglement?

Il fenomeno dell’Entanglement, termine traducibile con qualcosa del tipo “intreccio-non-separabile” (ma che sta tra l’altro anche a significare “situazione imbarazzante”), è un fenomeno quantistico in cui lo stato quantico di due oggetti, risulta strettamente dipendente l’uno dall’altro, anche se questi oggetti sono separati spazialmente.

Mi spiego meglio.

L’esempio classico usato per descrivere questo strano fenomeno, è un sistema costituito da due particelle (tipicamente due elettroni appartenenti allo strato più esterno di un atomo o di una molecola), che hanno la caratteristica di mantenere sempre i loro spin in direzione opposta. Immaginate l’atomo ed il suo nucleo, ed immaginate che la zona attorno a quest’ultimo non possa contenere che al massimo due elettroni. Per di più le particelle, per condividere questo spazio, hanno bisogno di girare in versi complementari (una deve girare in un senso [spin-su], l’altra deve girare in modo opposto [spin-giù]).

Il fenomeno della non-località, l’entanglement, è qualcosa di a dir poco bizzarro, tanto che lo stesso Einstein rifiutò di accettarlo.

Esso è un fenomeno per cui in determinate condizioni, lo stato quantico di un sistema (la coppia formata ad esempio dalle due particelle), non può essere descritto singolarmente. Piuttosto, la misura di un’osservabile di uno (es: lo spin), determina istantaneamente il valore anche per gli altri.

In presenza di entanglement quindi, qualunque sia il valore dello spin assunto da una delle due particelle, il corrispondente valore assunto dall’altra particella è sicuramente opposto al primo!

In soldoni, la teoria delle particelle entangled è semplice (eh, esagero nell’affermarlo, vero?): ho due elettroni, con spin opposto; per il teorema della conservazione del momento angolare, questi due elettroni continueranno ad avere spin opposto, anche se portati a una distanza elevata tra loro.
Le particelle, restano intrinsecamente collegate, in modo tale che le azioni o misure eseguite su una di esse abbiano effetto istantaneo sulle altre.
Ciò che però ha questo fatto di sconvolgente, è che se anche le particelle sono state separate e poste a distanza inimmaginabili, la cosa resta in piedi.
Misuro lo spin di una particella ad un milione di KM dall’altra?
BAM! Lo spin dell’altra è misurabile, e sarà esattamente l’opposto, al fine di mantenere lo stato del sistema “coerente”.

Incredibile, non credete?

L’idea, nel caso delle telecomunicazioni, è dunque usare come supporto fisico dei bit, le unità d’informazione binaria, non più un interruttore elettrico a due stati (“acceso” e spento”, corrispondenti a 0 e 1) ma atomi o particelle, e i loro stati quantistici, che possono assumere un maggior numero di configurazioni, codificando qubit, o bit d’informazione quantistica, incrementando esponenzialmente la capacità di calcolo.

Come spiegato da Frédéric Grosshans, dell’Université Paris-Saclay in un articolo di commento pubblicato su “Nature”: “Questi due esperimenti combinati dimostrano chiaramente che il teletrasporto su distanze metropolitane e tecnologicamente possibile, e senza dubbio molti esperimenti d’informazione quantistica in futuro potranno basarsi su questi lavori”.

A seguire i link ai due studi citati:

http://nature.com/articles/doi:10.1038/nphoton.2016.179
http://nature.com/articles/doi:10.1038/nphoton.2016.180

citazione feynman 1 260x160 - Richard Feynman riguardo la fisica quantistica
Citazioni
Richard Feynman riguardo la fisica quantistica

Richard Feynman (IPA: [ˈfaɪnmən]) (New York, 11 maggio 1918 – Los Angeles, 15 febbraio 1988) è stato un fisico e divulgatore scientifico statunitense, Premio Nobel per la fisica nel 1965 per l’elaborazione dell’elettrodinamica quantistica.

eccitonio 260x160 - Un nuovo stato della materia: l’eccitonio
Scienza
Un nuovo stato della materia: l’eccitonio

L’esistenza dell’eccitonio era stata teorizzata cinquant’anni fa, ma fino ad oggi la dimostrazione della sua esistenza continuava a sfuggire agli scienziati RICERCA – Lo stavano cercando da cinquant’anni e alla fine lo hanno osservato per caso. Stiamo parlando dell’eccitonio, una forma di materia la cui esistenza era stata teorizzata da tempo, ma che non era mai stata osservata. La scoperta è stata pubblicata sulla rivista Science. Ad incappare nell’eccitonio è stato un team internazionale di ricercatori guidato da Peter Abbamonte, professore di fisica alla Illinois University, mentre spetta a Jasper van Wezel, professore di fisica della University of Amsterdam l’interpretazione teorica dell’esperimento che ha fornito la conferma della scoperta. “Ricordo che Anshul era molto eccitato dal risultato delle nostre prime misure sul TiSe2. Eravamo nel laboratorio in piedi vicino la lavagna quando mi ha spiegato che avevamo osservato per la prima volta qualcosa che nessuno aveva mai visto prima: un plasmone morbido”. Così Mindy Rak, dottoranda nel team di Abbamonte assiema al collega Kogar Anshul, richiama il momento in cui ha realizzato cosa era emerso dai dati. Il plasmone morbido di cui parla è proprio la prova dell’esistenza dell’eccitonio ed è stato osservato in cristalli di titanio diselenio (TiSe2), un materiale semiconduttore molto studiato …

bolla sistema solare 260x160 - La bolla gigante in cui siamo nati
Scienza
La bolla gigante in cui siamo nati

All’alba di un nuovo anno che inizia novità sull’inizio del Sistema Solare. Gli scienziati dell’Università di Chicago hanno elaborato una nuova teoria esauriente e che racconta la nostra storia, a partire da una bolla gigante in cui spirano potenti venti stellari. SCOPERTE – Immaginate una bolla densa di materia, racchiusa in un involucro e in cui spirano all’interno potenti venti stellari. L’incubatrice in cui sono nati il pianeta Terra e l’intero sistema solare avrebbe avuto proprio questo aspetto miliardi di anni fa. A elaborare una nuova ed esauriente teoria sulla nostra origine nell’universo sono stati i ricercatori dell’Università di Chicago, che si sono concentrati sull’intricato mistero delle diverse abbondanze degli isotopi dell’alluminio e del ferro presenti nel sistema solare. A creare la bolla che ci ha ospitato non sarebbe stata dunque una “semplice” esplosione di supernova, ma bensì una gigante stella di Wolf-Rayett, con una massa tra le 40 e le 50 volte pari a quella del nostro Sole, che era morta da tempo. I ricercatori guidati da Vikram Dwarkadas e Nicolas Dauphas hanno pubblicato il risultato ottenuto sulla rivista The Astrophysical Journal, dove spiegano la loro nuova teoria. Fino ad oggi infatti si riteneva che il sistema solare si fosse formato …

ScienzaI libri del blogPassione scritturaCollabora con noi