Una supernova in laboratorio? Come ti creo l’onda d’urto astrofisica

supernova onda astrofisica 300x224 - Una supernova in laboratorio? Come ti creo l’onda d’urto astrofisica
Le onde d’urto supersoniche che si originano da una supernova sono difficilissime da studiare per la grande distanza a cui avviene il fenomeno, ben al di fuori dal nostro sistema solare. Crediti immagine: NASA/ESA/Zolt Levay

SCOPERTE – Quando una stella supernova esplode, l’onda d’urto che genera è terrificante e trasporta con se raggi cosmici e particelle a velocità supersoniche. Ma anche un brillamento del Sole genera onde d’urto impressionanti, che si propagano dalla corona solare per chilometri nello spazio. Questi sono solo due esempi delle potentissime onde d’urtoastrofisiche, generate dall’interazione tra due plasma ad altissima energia, quella forma di materia composta da atomi e particelle atomiche cariche, che gli scienziati sono riusciti a ricreare in laboratorio.

Studiare questi fenomeni, che letteralmente muovono le particelle cariche nell’intero universo, non è facile. Si pensi alle onde d’urto supersoniche che si originano da una supernova: la grandissima distanza a cui avviene il fenomeno, che è ben al di fuori dal nostro sistema solare, rende impossibile agli astrofisici studiarle nel dettaglio. Se poi volessimo studiare le onde d’urto che si verificano vicino alla Terra, come quelle dei brillamenti solari, il problema è la velocità con cui queste onde si propagano, dato che avendo un alto numero di Mach per una sonda spaziale rilevarne la formazione è complicato.

E allora, come è possibile ricreare queste onde d’urto in scala e studiarle in un “semplice” laboratorio? Gli “ingredienti” di questa scoperta, dovuta al team di scienziati di Princeton guidati da Derek Schaeffer e avvenuta per caso nel Rochester Laboratory, sono tre: un plasma ad alta energia, creato con un potente laser, e un plasma magnetizzato e preesistente in laboratorio. Il risultato, pubblicato anche sulla rivista Physical Review Letters, è stato del tutto inaspettato e apre le porte a nuove conoscenze e nuovi metodi di indagine sull’universo.

Schaeffer ha sottolineato che con il suo team è stato in grado di sviluppare una piattaforma in laboratorio che fosse in grado non solo di produrre le onde d’urto altamente energetiche, ma anche di offrire una maggiore flessibilità e la possibilità di controllarle. Il team, guidato dal ricercatore di Princeton insieme al fisico William Fox, ha utilizzato per lo studio il laser Omega EP nel Rochester Laboratory for Laser Energetics ed è così riuscito a capire come evolvono i processi fisici all’interno delle onde d’urto dopo che sono state generate.

Per produrre le onde, gli scienziati hanno prima creato un plasma ad alta energia utilizzando un potente laser. Il plasma così ottenuto si è espanso all’interno di un plasma preesistente e magnetizzato. Tra i due plasma si è verificata una interazione “collisionless”, cioè senza collisioni diretta di particelle, che in pochi miliardesimi di secondo ha creato un’onda d’urto magnetizzata con un alto numero di Mach e che viaggiava a 1,6 milioni di chilometri orari, proprio come quelle che si formano al di fuori del sistema solare.

Una scoperta che in realtà, spiegano con umiltà i ricercatori, è avvenuta per caso. La piattaforma, infatti, era stata progettata per studiare il fenomeno della riconnessione magnetica, un processo in cui le linee di campo magnetico del plasma convergono, si separano e poi si riconnettono in modo altamente energetico. Gli scienziati del Rochester volevano studiare il flusso di plasma per capire le fluidodinamiche dietro al fenomeno e invece, installando uno strumento diagnostico, hanno osservato la formazione di un’onda d’urto con un alto numero di Mach.

Per controllare che il risultato, ottenuto con loro grande sorpresa, non fosse errato gli scienziati hanno raccolto i dati e hanno elaborato dei modelli matematici che sono stati verificati con la potente mente calcolatrice elettronica del supercomputer Titan, che ha confermato la compatibilità tra i modelli e i dati ottenuti negli esperimenti. Quelle erano proprio onde d’urto astrofisiche create in laboratorio.

Il prossimo obiettivo dei ricercatori sarà quello di studiare la relazione tra le onde d’urto non collisionali e l’accelerazione delle particelle astrofisiche. Un piccolo passo che però apre una grande porta e offre agli scienziati l’occasione unica di studiare da vicino un fenomeno che avviene al di fuori del sistema solare e ben lontano dalla Terra.

@oscillazioni

Pubblicato con licenza Creative Commons Attribuzione-Non opere derivate 2.5 Italia.

Albert Einstein And Niels Bohr
Scienza
La teoria della misurazione di Bohr

Spesso viene da chiedersi: “Cosa realizza la realtà?” Tratto da: Fisica quantistica per curiosi Esistono diverse risposte alla domanda “Cosa realizza la realtà?” e la prima risposta è contenuta nella teoria della misurazione di Bohr (scuola di Copenhagen), riportata nel testo dello studioso “Atomic theory in the description of nature” (Cambridge, 1934). Ed in essa si afferma che la riduzione della funzione d’onda avvenga a livello dello strumento di misura. Quest’ultima è l’interpretazione della meccanica quantistica maggiormente condivisa fra gli studiosi (nessuna speranza quindi che la coscienza dell’osservatore entri in ballo nel processo di realizzazione della realtà). Bohr volle subito eliminare la figura di un osservatore cosciente, e pensò immediatamente come sostituirlo con diversi artifizi. In pochi anni fu quindi messa a punto la versione definitiva della “interpretazione di Copenaghen”, la quale sostituì ad esso una “reazione termodinamica irreversibile”, affinché quindi lo stato non oggettivo potesse diventare uno stato oggettivo. La cosa fa nascere però alcune perplessità: sembrerebbe infatti impossibile che l’esistenza del mondo microscopico debba dipendere da eventi termodinamici irreversibili, ovvero eventi “macroscopici”. Non dovrebbe essere il contrario? Cioè che il macroscopico dipenda dal microscopico? Per questo ed altri motivi, molti fisici tra cui in primis Wigner (ne abbiamo parlato illustrando …

Asteroide
Scienza
Due anni di oscurità: così l’asteroide ha sterminato i dinosauri

Prima l’impatto del gigantesco asteroide, poi i terremoti e gli tsunami. Il cielo si riempie di fuliggine e la Terra sprofonda nell’oscurità per due anni: ecco come i dinosauri si sono estinti 66 milioni di anni fa dalla faccia del pianeta. SCOPERTE – Circa 66 milioni di anni fa un asteroide largo dieci chilometri si è schiantato sulla Terra, nella regione oggi conosciuta come penisola dello Yucatan. L’impatto del gigantesco asteroide ha causato terremoti, tsunami ed eruzioni vulcaniche, ma soprattutto ha sollevato una coltre di fuliggine nell’atmosfera. I cieli si sono ricoperti di un manto nero e per due lunghi anni il pianeta è stato avvolto dall’oscurità. Le piante hanno smesso di eseguire la fotosintesi, il clima è cambiato e per i dinosauri sopravvissuti agli incendi e all’impatto non c’è stato scampo: tre quarti delle specie viventi sono scomparse durante l’estinzione del Cretaceo-Paleocene. Questo è lo scenario che spiega come è avvenuta l’estinzione dei dinosauri nello studio pubblicato sulla rivista Proceedings of the National Academy of Sciences e condotto da Charles Bardeen, scienziato del National Center for Atmospheric Research (NCAR), in collaborazione con i ricercatori della NASA e della University of Colorado a Boulder. I ricercatori hanno stimato la quantità di fuliggine prodotta dagli incendi causati dall’impatto dell’asteroide e sono stati …

ScienzaI libri del blogPassione scritturaCollabora con noi