Saturn V, il razzo usato dalla NASA nei programmi Apollo e Skylab

Saturn V
Il Saturn V che lancerà l’Apollo 17

Saturn V era alto 110 metri e aveva un diametro di 10 metri.

Un totale di 13 Saturn V furono lanciati tra il 1967 e il 1973 e tutti i lanci si conclusero con successo. Il carico principale per cui questi razzi furono utilizzati fu la serie di missioni Apollo, che portò alcuni astronauti sulla Luna.

Ma come è nato questo razzo?

Negli anni della guerra fredda, l’Unione Sovietica aveva messo a segno dei risultati formidabili fino a quel momento, lanciando il primo uomo nello spazio nel 1961, Juri Gagarin, e il primo satellite artificiale addirittura quattro anni prima.

Nel maggio del 1961 il presidente degli Stati Uniti John Fitzgerald Kennedy annunciò al Congresso la volontà di mandare il primo uomo sul nostro satellite entro la fine degli anni Sessanta. Pochi mesi dopo, nel gennaio del 1962, la Nasa iniziò a lavorare a questo gigante dei cieli, che avrebbe volato per la prima volta il 9 novembre del 1967.

Il Saturn V fu progettato da un team guidato da Wernher von Braun.

Il geniale scienzato tedesco fu una delle figure principali nello sviluppo della missilistica nella Germania nazista prima e negli Stati Uniti poi, dove è ritenuto il capostipite del programma spaziale americano.

Il Saturn V era composto da tre stadi.

Il primo, alto 42 metri e posto nella parte inferiore aveva il suo compito era quello di far decollare il razzo da Terra con i suoi cinque motori. Arrivato intorno ai 65 chilometri di altezza Saturn V se ne sbarazzava lasciandolo cadere in mare.

Anche il secondo stadio montava cinque motori e il suo compito era quello di portare il razzo verso gli strati più alti dell’atmosfera. Esaurito il suo compito, anche questo componente veniva espulso.

Il terzo e ultimo stadio serviva a mettere il Saturn V in “orbita di parcheggio” intorno alla Terra, in attesa che dal Centro controllo missione di Houston arrivasse il via libera per riaccendere i motori e dirigersi verso la Luna.

In fase di test dei motori, le vibrazioni del suolo si potevano percepire a 80 miglia di distanza e durante il lancio di questo gigantesco missile tutte le stazioni sismiche degli Stati Uniti registravano una scossa.
Le vibrazioni erano tali che, anche a 5 km di distanza, chi assisteva al lancio veniva scosso da queste.
Per la grande quantità di carburante che aveva, veniva considerato una “bomba volante” e soltanto tre persone potevano infrangere il limite di sicurezza dei 3 km: gli astronauti.

Oggi è possibile ammirare questo pezzo di storia dell’aviazione spaziale nel Johnson Space Center, a Huston, dove è attualmente esposto un esemplare dotato degli stadi previsti per un lancio reale.

Autore: Fiorenzo Foglia

Albert Einstein And Niels Bohr
Scienza
La teoria della misurazione di Bohr

Spesso viene da chiedersi: “Cosa realizza la realtà?” Tratto da: Fisica quantistica per curiosi Esistono diverse risposte alla domanda “Cosa realizza la realtà?” e la prima risposta è contenuta nella teoria della misurazione di Bohr (scuola di Copenhagen), riportata nel testo dello studioso “Atomic theory in the description of nature” (Cambridge, 1934). Ed in essa si afferma che la riduzione della funzione d’onda avvenga a livello dello strumento di misura. Quest’ultima è l’interpretazione della meccanica quantistica maggiormente condivisa fra gli studiosi (nessuna speranza quindi che la coscienza dell’osservatore entri in ballo nel processo di realizzazione della realtà). Bohr volle subito eliminare la figura di un osservatore cosciente, e pensò immediatamente come sostituirlo con diversi artifizi. In pochi anni fu quindi messa a punto la versione definitiva della “interpretazione di Copenaghen”, la quale sostituì ad esso una “reazione termodinamica irreversibile”, affinché quindi lo stato non oggettivo potesse diventare uno stato oggettivo. La cosa fa nascere però alcune perplessità: sembrerebbe infatti impossibile che l’esistenza del mondo microscopico debba dipendere da eventi termodinamici irreversibili, ovvero eventi “macroscopici”. Non dovrebbe essere il contrario? Cioè che il macroscopico dipenda dal microscopico? Per questo ed altri motivi, molti fisici tra cui in primis Wigner (ne abbiamo parlato illustrando …

Asteroide
Scienza
Due anni di oscurità: così l’asteroide ha sterminato i dinosauri

Prima l’impatto del gigantesco asteroide, poi i terremoti e gli tsunami. Il cielo si riempie di fuliggine e la Terra sprofonda nell’oscurità per due anni: ecco come i dinosauri si sono estinti 66 milioni di anni fa dalla faccia del pianeta. SCOPERTE – Circa 66 milioni di anni fa un asteroide largo dieci chilometri si è schiantato sulla Terra, nella regione oggi conosciuta come penisola dello Yucatan. L’impatto del gigantesco asteroide ha causato terremoti, tsunami ed eruzioni vulcaniche, ma soprattutto ha sollevato una coltre di fuliggine nell’atmosfera. I cieli si sono ricoperti di un manto nero e per due lunghi anni il pianeta è stato avvolto dall’oscurità. Le piante hanno smesso di eseguire la fotosintesi, il clima è cambiato e per i dinosauri sopravvissuti agli incendi e all’impatto non c’è stato scampo: tre quarti delle specie viventi sono scomparse durante l’estinzione del Cretaceo-Paleocene. Questo è lo scenario che spiega come è avvenuta l’estinzione dei dinosauri nello studio pubblicato sulla rivista Proceedings of the National Academy of Sciences e condotto da Charles Bardeen, scienziato del National Center for Atmospheric Research (NCAR), in collaborazione con i ricercatori della NASA e della University of Colorado a Boulder. I ricercatori hanno stimato la quantità di fuliggine prodotta dagli incendi causati dall’impatto dell’asteroide e sono stati …

ScienzaI libri del blogPassione scritturaCollabora con noi