Partecipare ad un concorso letterario

Concorso letterarioMolto spesso il novello scrittore, viene posto di fronte all’annosa questione che lo pone indeciso riguardo alla possibilità di partecipare o meno ad un concorso letterario.

Ebbene, non voglio lasciarvi sulle spine e vi anticipo subito che, almeno per mia esperienza personale, concorrere a competizioni del genere non può far altro che giovare al novello autore in erba.

Proprio qualche mese fa mi è infatti capitato di partecipare e vincere una competizione del genere, e devo ammettere di esserne uscito davvero galvanizzato.

Quale migliore occasione per farsi leggere e confrontarsi con giurati e professionisti impegnati nella filiera editoriale?

Perché è bene che lo sappiate, rispetto ai soldi e ai premi, io vi consiglierei di preferire competizioni che prevedano la pubblicazione del vostro capolavoro (con riconoscimento delle meritate royalties al seguito).

Tutto a beneficio del vostro curriculum letterario.

Ma come procedere quindi?

Per prima cosa occorre ovviamente leggere con attenzione il bando del concorso a cui si intente partecipare, per assicurarsi che lo stesso sia organizzato in modo serio.

In secondo luogo c’è da porre attenzione sul fatto se esista o meno una tassa di iscrizione.
In caso affermativo è bene valutare sempre se il gioco vale la candela. Evitiamo infatti concorsi che si basino del tutto sulle quote di iscrizione e preferiamo concorsi che propongano premi seri (come la successiva pubblicazione dell’opera senza alcun contributo da parte dell’autore) e siano supportati da sponsor di rilievo.

Rimane ora da definire in che modo è possibile recuperare una lista di concorsi letterari a cui accedere.

Nulla di più semplice: la rete pullula di portali dedicati proprio al recupero di tali informazioni.

Ve ne riporto alcuni, in modo che non abbiate che l’imbarazzo della scelta:

http://www.concorsi-letterari.it/
https://www.concorsiletterari.it/concorsi.html
https://www.concorsiletterari.net/
http://www.ozoz.it/ozblogoz/modules/news/index.php?storytopic=3
http://www.progettobabele.it/concorsiesegnalazioni/concorsilett.php

In ognuno di essi sarà possibile recuperare la lista di concorsi che più si addice al genere del nostro manoscritto.

Ed ora non mi resta che augurarvi buona fortuna!

 

Ufo
Passione Scrittura
Manicaretti cosmici

La bambina osservava il suo gatto con espressione severa nei grandi occhi azzurro cielo. “Mio Dio, guardati, Fluffy. Un giorno dovrò decidermi a metterti a dieta”, dichiarò quindi con fare impertinente. Il micio non sembrava particolarmente toccato dalla considerazione, e si guardava intorno in cerca di qualcosa di commestibile. Era un primo pomeriggio d’estate, quando nessuno osa ancora popolare le strade e la canicola è tale che persino il sole sembra volersi rinfrescare tuffandosi flemmaticamente nell’oceano a sera, quando il giorno si dà vinto al caldo e alla noia. La ramanzina venne interrotta da un rumore assordante e da un odore di bruciaticcio proveniente dalla collina che sovrastava la villetta dove giocavano la bimba e il gatto: una grande astronave grigia e fumante si era appena appoggiata a terra su zampe lucide di metallo. Strane creature cineree e umanoidi scesero e si diressero verso la frugoletta. “Xampus, ci siamo: è arrivato il momento di agire. Accenda il traduttore chitammuonico.” “Operativo, Capo.” “Peccato che i terrestri non hanno il detto ‘rubare le caramelle ai bambini’, perché si adatterebbe perfettamente al momento. Salve, curiosa e giovane creatura terrestre: noi veniamo in pace, ma affamati. Sappi che siamo viaggiatori planetari e siamo lieti …

ranking amazon vendite 2 260x160 - Quanto potrebbe vendere il mio libro su Amazon? Scopriamolo con criterio
Passione Scrittura
Quanto potrebbe vendere il mio libro su Amazon? Scopriamolo con criterio

“Il mio libro sta vendendo poco” “Il mio invece così così” “Il mio moltissimo!” Siamo abituati a leggere affermazioni di questo tipo un po’ dovunque su pagine e siti di scrittori emergenti che si autopubblicano su Amazon. Sì, ma cosa significa poco, tanto, o tantissimo? Di cosa stiamo parlando? Si tratta di parole dettate dalla delusione di non avere tante vendite quante ce ne si aspettava, oppure si tratta solo della vanagloria di uno scrittore della domenica a cui bastano un paio di copie vendute in un mese per essere contento? Purtroppo in Italia si incrociano due zavorre ataviche: la poca dimestichezza con i numeri, e la ritrosia generalizzata a parlare anche solo alla lontana di soldi. La conseguenza è che una persona che voglia scrivere un libro, o che si appresta a pubblicarlo, non ha la minima idea se debba considerare il suo un semplice hobby, o se, con un po’ di impegno, non possa diventare, se non un lavoro, almeno un qualcosa che gli permetta di avere una integrazione ai propri guadagni. Perché il punto è duplice: se non si sa come analizzare i dati, non si può migliorare. E se non si ha una idea delle grandezze in gioco, non si può …