Onde gravitazionali, VIRGO si “sveglia”: la presa dati è iniziata

La caccia alle onde gravitazionali continua con l’entrata in funzione di VIRGO dopo le prime osservazioni del sistema di interferometri LIGO che hanno confermato la teoria della Relatività di Albert Einstein

CRONACA – A quasi due anni dalla scoperta delle onde gravitazionali, con il primo storico “chimp” osservato dagli interferometri LIGO negli Stati Uniti il 14 settembre 2015, ecco che un nuovo strumento arriva nella caccia a questi oggetti. VIRGO, l’interferometro che parla italiano situato a Cascina vicino Pisa dell’Istituto nazionale di fisica nucleare (INFN), è entrato in funzione il 1° agosto 2017. L’interferometro italiano è stato realizzato presso lo European Gravitational Observatory (EGO) e segna un passo in avanti fondamentale per il programma di ricerca delle onde gravitazionali.

ligo
Questa è la proiezione 3D della Via Lattea su un globo trasparente che mostra la possibile localizzazione dei 3 eventi individuati da LIGO. Il bordo esterno rappresenta la regione di confidenza con probabilità del 90% mentre la regione interna ha probabilità del 10%. Crediti immagine: LIGO/Leo Singer

L’interferometro laser di tipo Michelson che si trova in Toscana è stato in pausa per 5 anni per permettere l’upgrade e così da VIRGO si è passati ad Advanced VIRGO, dove la sensibilità del rivelatore è stata portata oltre i 25 Megaparsec, l’unità di misura standard che corrisponde alla distanza alla quale è visibile la radiazione gravitazionale emessa da una coppia di stelle di neutroni grandi 1.4 volte il nostro Sole. La sensibilità che gli scienziati italiani sono riusciti a raggiungere è comunque inferiore a quella dei due interferometri gemelli Advanced LIGO, situati a Livingston in Louisiana e Hanford nello Stato di Washington, ma non per questo il suo lavoro sarà meno importante.

Il nuovo VIRGO permetterà di osservare un volume di universo 10 volte maggiore rispetto a quello osservabile rispetto al 2011, quando il potenziamento è iniziato, e consentirà agli scienziati non solo di confermare nuovi potenziali segnali in arrivo dalle onde gravitazionali, ma lavorando in combinazione con gli interferometri gemelli statunitensi aprirà la strada per la localizzazione delle sorgenti. Si tratta di una collaborazione internazionale importante, che vede l’Italia rivestire un ruolo di primo piano e gli scienziati non vedono l’ora di iniziare l’analisi dei nuovi e più precisi dati, come spiegato anche da Gianluca Gemme, responsabile nazionale INFN di VIRGO: “è stata una lunga strada per la collaborazione, cinque anni di lavoro intenso, con momenti anche difficili, affrontati con professionalità e perseveranza. Adesso siamo finalmente pronti a raccogliere nuovi dati e siamo impazienti di analizzarli”.

La combinazione a 3 interferometri, infatti, permetterà la triangolazione del segnale: gli scienziati quindi saranno in grado non solo di ascoltare le onde gravitazionali, ma anche di identificare con precisione la porzione di spazio da cui provengono e dare la caccia anche ad altri tipi di segnali, ad esempio elettromagnetico o alla presenza di neutrini.
Virgo
La skymap mostra in una simulazione come la localizzazione migliora aggiungendo VIRGO ai due interferometri gemelli LIGO. Crediti immagine: LIGO/Leo Singer

 

Le aspettative dunque sono alte per l’entrata in funzione di VIRGO: dal 1° al 25 agosto i tre interferometri lavoreranno in contemporanea per la Observational Run 2, una presa di dati senza precedenti che potrebbe rivelare ancora molto sulle onde gravitazionali. Poi dal 26 agosto inizierà una nuova pausa per gli strumenti, che verranno sottoposti a un nuovo upgrade che durerà per circa un anno. Durante questa pausa saranno sostituiti i fili metallici che sospendono gli specchi del rivelatore con fibre di vetro, in modo da aumentare la potenza del laser, e sarà installato un sistema di ottica quantistica in grado di ridurre il rumore introdotto dalla luce del laser.

Un lavoro enorme che richiederà il passaggio di almeno un anno, tanto che la Observational Run 3 è prevista al momento non prima dell’autunno 2018. Il progetto però non si ferma per questa nuova fisica che è solo agli inizi. L’obiettivo degli scienziati infatti è la costruzione di altri due interferometri, uno in Giappone e uno in India, per creare un network di 5 rivelatori che siano in grado di lavorare in contemporanea e di osservare porzioni sempre maggiori di cielo e con una sensibilità senza precedenti.

Giovanni Losurdo, ricercatore INFN che ha coordinato il progetto Advanced VIRGO, ha spiegato: “quattrocento anni fa Galileo ha puntato il suo cannocchiale su Giove dando inizio ad una rivoluzione scientifica. Oggi sta succedendo qualcosa di simile. Con VIRGO in funzione abbiamo una rete mondiale di rivelatori di onde gravitazionali che si può “puntare”, in grado cioè di localizzare le sorgenti. Da questo ci aspettiamo nuove e importanti scoperte negli anni a venire. Noi di VIRGO ce l’abbiamo messa tutta per arrivare a questo risultato”.

Le porte dell’astrofisica gravitazionale si sono spalancate e ora non ci resta che attendere i nuovi dati e salutare il progetto con l’entusiasmo che la nostra eccellenza italiana merita.

@oscillazioni

Fonte: oggiscienza.it

Pubblicato con licenza Creative Commons Attribuzione-Non opere derivate 2.5 Italia.

citazione feynman 1 260x160 - Richard Feynman riguardo la fisica quantistica
Citazioni
Richard Feynman riguardo la fisica quantistica

Richard Feynman (IPA: [ˈfaɪnmən]) (New York, 11 maggio 1918 – Los Angeles, 15 febbraio 1988) è stato un fisico e divulgatore scientifico statunitense, Premio Nobel per la fisica nel 1965 per l’elaborazione dell’elettrodinamica quantistica.

eccitonio 260x160 - Un nuovo stato della materia: l’eccitonio
Scienza
Un nuovo stato della materia: l’eccitonio

L’esistenza dell’eccitonio era stata teorizzata cinquant’anni fa, ma fino ad oggi la dimostrazione della sua esistenza continuava a sfuggire agli scienziati RICERCA – Lo stavano cercando da cinquant’anni e alla fine lo hanno osservato per caso. Stiamo parlando dell’eccitonio, una forma di materia la cui esistenza era stata teorizzata da tempo, ma che non era mai stata osservata. La scoperta è stata pubblicata sulla rivista Science. Ad incappare nell’eccitonio è stato un team internazionale di ricercatori guidato da Peter Abbamonte, professore di fisica alla Illinois University, mentre spetta a Jasper van Wezel, professore di fisica della University of Amsterdam l’interpretazione teorica dell’esperimento che ha fornito la conferma della scoperta. “Ricordo che Anshul era molto eccitato dal risultato delle nostre prime misure sul TiSe2. Eravamo nel laboratorio in piedi vicino la lavagna quando mi ha spiegato che avevamo osservato per la prima volta qualcosa che nessuno aveva mai visto prima: un plasmone morbido”. Così Mindy Rak, dottoranda nel team di Abbamonte assiema al collega Kogar Anshul, richiama il momento in cui ha realizzato cosa era emerso dai dati. Il plasmone morbido di cui parla è proprio la prova dell’esistenza dell’eccitonio ed è stato osservato in cristalli di titanio diselenio (TiSe2), un materiale semiconduttore molto studiato …

bolla sistema solare 260x160 - La bolla gigante in cui siamo nati
Scienza
La bolla gigante in cui siamo nati

All’alba di un nuovo anno che inizia novità sull’inizio del Sistema Solare. Gli scienziati dell’Università di Chicago hanno elaborato una nuova teoria esauriente e che racconta la nostra storia, a partire da una bolla gigante in cui spirano potenti venti stellari. SCOPERTE – Immaginate una bolla densa di materia, racchiusa in un involucro e in cui spirano all’interno potenti venti stellari. L’incubatrice in cui sono nati il pianeta Terra e l’intero sistema solare avrebbe avuto proprio questo aspetto miliardi di anni fa. A elaborare una nuova ed esauriente teoria sulla nostra origine nell’universo sono stati i ricercatori dell’Università di Chicago, che si sono concentrati sull’intricato mistero delle diverse abbondanze degli isotopi dell’alluminio e del ferro presenti nel sistema solare. A creare la bolla che ci ha ospitato non sarebbe stata dunque una “semplice” esplosione di supernova, ma bensì una gigante stella di Wolf-Rayett, con una massa tra le 40 e le 50 volte pari a quella del nostro Sole, che era morta da tempo. I ricercatori guidati da Vikram Dwarkadas e Nicolas Dauphas hanno pubblicato il risultato ottenuto sulla rivista The Astrophysical Journal, dove spiegano la loro nuova teoria. Fino ad oggi infatti si riteneva che il sistema solare si fosse formato …

ScienzaI libri del blogPassione scritturaCollabora con noi