Napoli: Palazzo Donn’Anna

Palazzo Donn’Anna è uno splendido palazzo monumentale del XVII secolo che si erge dal mare, cupo.
Ubicato all’inizio della splendida via Posillipo, è uno dei più famosi palazzi di Napoli. Ad oggi non è visitabile, ed è interamente utilizzato come abitazione privata e diviso in vari condomìni. Chi vuole ammirare il palazzo in tutta la sua bellezza è costretto a farlo dalla adiacente spiaggia, anch’essa privata.

“Non è diroccato, ma non fu mai finito; non cade, non cadrà, poiché la forte brezza marina solidifica ed imbruna le muraglie..” così viene descritto da Matilde Serao nel suo celebre “Leggende napoletane”.

Il Palazzo, imponente sul mare di Posillipo, è una struttura assai ricca di fascino oltre che di macabro mistero. Caratterizzato da finestrelle senza vetri, arcate caretteristiche e ombre inquietanti, fu costruito nel Cinquecento su un edificio preesistente noto come La Serena, di proprietà di Dragonetto Bonifacio, nominato marchese dall’imperatore Carlo. Solo successivamente divenne di proprietà dei Ravaschieri, i quali poi lo vendettero per 800 ducati al principe Luigi Carafa di Stigliano, nonno della famosa Donna Anna Carafa – che nelle credenze popolari viene spesso confusa con la famosa e discussa regina Giovanna d’Angiò.

Palazzo Donn'Anna
Palazzo Donn’Anna

Al di là dei fatti storici, sul palazzo aleggiano una serie di affascinanti e terribili leggende. Per molti il palazzo fu la dimora della Carafa, una donna, si racconta, tanto spregiudicata quanto crudele. Ella, si narra, sceglieva i pescatori più belli e prestanti della zona per trascorrere con loro notti di sfrenata passione. Notti che però finivano puntualmente in tragedia: all’alba li ammazzava brutalmente, gettandoli dalle finestre del palazzo. E pare che gli spiriti di questi sventurati giovani uomini si aggirino ancora inquietanti nei sotterranei dell’antica dimora.
Secondo Matilde Serao, Donna Anna amava organizzare magnifici ricevimenti, agghindata nel suo abito rosso in lamine d’argento, feste a cui prendeva parte la nobiltà spagnola e napoletana.
Una notte, per uno di qui festeggiamenti fu allestito un teatrino e tra gli attori, tutti rigorosamente nobili, fu presente la bellissima e giovane Donna Mercedes de las Torres, nipote della duchessa Anna. Nella rappresentazione la giovane rivestiva il ruolo della schiava innamorata del suo padrone, interpretato da Gaetano di Casapesenna. Nulla da dire, non fosse altro che Gaetano di Casapesenna era stato l’amante di Anna. Lo scenografico bacio finale di quella che innocente, divenne fatale commedia, accese la gelosia di Anna.

Nei giorni a seguire Donna Mercedes e Anna ebbero numerosi scontri finché Mercedes sparì nel nulla.
Nessuno seppe più che fine avesse fatto. Secondo alcuni si rifugiò in convento in preda ad un’improvvisa vocazione. Gaetano continuò a cercarla, ma invano; finchè la sua vita finì in battaglia.

La storia vuole che nel palazzo si vedano ancora il fantasma di Donna Anna che tormenta i due sventurati amanti Mercedes e Gaetano, destinati a cercarsi in eterno.

Così conclude la Serao in merito alla leggenda di “Palazzo Donn’Anna”:

«Quei fantasmi sono quelli degli amanti? O divini, divini fantasmi! Perché non possiamo anche noi, come voi, spasimare d’amore anche dopo la morte?»

Tratto da: Napoli Occulta

basilica san pietro aram 2 260x160 - Napoli: basilica di San Pietro ad Aram
Cultura
Napoli: basilica di San Pietro ad Aram

La basilica di San Pietro ad Aram costituisce l’inizio ideale per un percorso attraverso i misteri di Napoli. E se vi piace Dan Brown, allora vi sentirete come in uno dei suoi libri: questa chiesa è il crocevia di leggende su Pietro evangelista vecchie di migliaia di anni, culti semi–pagani, storie e superstizioni. La chiesa oggi è completamente inglobata in uno degli edifici che affiancano Corso Umberto ed esternamente solo l’ingresso di pietra scolpita suggerisce la presenza della chiesa. I turisti passano davanti al portone, magari diretti verso il Maschio Angioino, e buttano solo un’occhiata svogliata a questo portone. Passano così davanti ad un posto che, se le leggende che lo avvolgono fossero vere, sarebbe la più antica chiesa della cristianità ancora in uso. In effetti, più antica di San Pietro a Roma. La leggenda vuole che l’apostolo Pietro, diretto verso Roma da Antiochia, si sia fermato a Napoli nel 44 dopo Cristo. Qui una donna anziana e malata chiamata Candida avvicinò il sant’uomo e lo scongiurò di guarirla da una malattia. Pietro lo fece e Candida si convertì al Cristianesimo. Candida poi portò a Pietro un suo amico, Aspreno, anch’egli infermo. Pietro guarì Aspreno, che si convertì. Giova notare come …

bella mbriana 260x160 - Bella ‘mbriana
Cultura
Bella ‘mbriana

Il personaggio indicato come ‘A Bella ‘Mbriana, è uno spirito benigno, una creatura misteriosa amante dell’ordine e della pulizia e portatrice di benessere e salute, una sorta di anti–munaciello. Deve il proprio nome alla meridiana o all’ora meridiana, simbolo del sole, ed infatti è uno spirito diurno che viene visto alla controra (un termine dialettale che indica quelle ore flemmatiche del pomeriggio tradizionalmente destinate al riposo). Molti la descrivono come una donna bellissima e molto ben vestita. Una giovane dal volto rassicurante e sereno, una figura solare. Tanto che il suo nome equivale a dire “l’ora più luminosa del giorno”. Si narra addirittura che il diffuso cognome Imbriani derivi appunto da ‘Mbriana: a dire quanta importanza rivesta per il popolo partenopeo questo luminoso spirito. Tradizionalmente, in casa le si lasciava sempre una sedia libera. La ‘Mbriana infatti, oltre che molto bella è notoriamente alquanto capricciosa. Nessun napoletano quindi si sognerebbe di indispettirla: potrebbe decidere di andare via, con tutte le nefaste conseguenze derivanti. Secondo la tradizione popolare, la sua natura, seppur incorporea, si manifesterebbe a volte in forma di geco (o di farfalla), che i napoletani considerano come una sorta di portafortuna, guardandosi quindi bene dal cacciarlo via o dal …

naples 260x160 - Lo strano caso del dottor Efisio Marini, detto "Il Pietrificatore"
Cultura
Lo strano caso del dottor Efisio Marini, detto “Il Pietrificatore”

La fissazione per i corpi, il sangue e la morte ha segnato la città per tutto il medioevo. Ma questa ossessione è riuscita anche, per dir così, a trasformarsi e ad entrare nella modernità. È il caso del dottor Efisio Marini detto “Il Pietrificatore”, vissuto nell’Ottocento. Il soprannome gli venne dato per via delle sue ricerche nel campo della conservazione di cadaveri e parti anatomiche. Efisio Marini elaborò un metodo completamente personale di mummificazione che permetteva di pietrificare i cadaveri senza tagli o iniezioni sugli stessi. La pietrificazione era invertibile: era possibile restituire ai corpi pietrificati il colore e la consistenza originali. Immaginate una persona schiva, che trafficava con pezzi di cadaveri, che mummificava con un procedimento segreto. E’ normale che fosse circondato da un alone sinistro creatosi intorno a lui anche a causa propria dimora, disseminata di reliquie anatomiche di persone e animali. Morì a Napoli l’11 settembre del 1900 senza rivelare le formule per attuare il suo metodo di imbalsamazione. Un alchimista o un mago, più che un dottore. Il Museo Anatomico di Napoli conserva alcuni dei lavori di Efisio Marchini. E sono davvero cose per chi ha lo stomaco forte: tra le opere conservate c’è anche un …

ScienzaI libri del blogPassione scritturaCollabora con noi