Napoli: Palazzo Donn’Anna

Palazzo Donn’Anna è uno splendido palazzo monumentale del XVII secolo che si erge dal mare, cupo.
Ubicato all’inizio della splendida via Posillipo, è uno dei più famosi palazzi di Napoli. Ad oggi non è visitabile, ed è interamente utilizzato come abitazione privata e diviso in vari condomìni. Chi vuole ammirare il palazzo in tutta la sua bellezza è costretto a farlo dalla adiacente spiaggia, anch’essa privata.

“Non è diroccato, ma non fu mai finito; non cade, non cadrà, poiché la forte brezza marina solidifica ed imbruna le muraglie..” così viene descritto da Matilde Serao nel suo celebre “Leggende napoletane”.

Il Palazzo, imponente sul mare di Posillipo, è una struttura assai ricca di fascino oltre che di macabro mistero. Caratterizzato da finestrelle senza vetri, arcate caretteristiche e ombre inquietanti, fu costruito nel Cinquecento su un edificio preesistente noto come La Serena, di proprietà di Dragonetto Bonifacio, nominato marchese dall’imperatore Carlo. Solo successivamente divenne di proprietà dei Ravaschieri, i quali poi lo vendettero per 800 ducati al principe Luigi Carafa di Stigliano, nonno della famosa Donna Anna Carafa – che nelle credenze popolari viene spesso confusa con la famosa e discussa regina Giovanna d’Angiò.

Palazzo Donn'Anna
Palazzo Donn’Anna

Al di là dei fatti storici, sul palazzo aleggiano una serie di affascinanti e terribili leggende. Per molti il palazzo fu la dimora della Carafa, una donna, si racconta, tanto spregiudicata quanto crudele. Ella, si narra, sceglieva i pescatori più belli e prestanti della zona per trascorrere con loro notti di sfrenata passione. Notti che però finivano puntualmente in tragedia: all’alba li ammazzava brutalmente, gettandoli dalle finestre del palazzo. E pare che gli spiriti di questi sventurati giovani uomini si aggirino ancora inquietanti nei sotterranei dell’antica dimora.
Secondo Matilde Serao, Donna Anna amava organizzare magnifici ricevimenti, agghindata nel suo abito rosso in lamine d’argento, feste a cui prendeva parte la nobiltà spagnola e napoletana.
Una notte, per uno di qui festeggiamenti fu allestito un teatrino e tra gli attori, tutti rigorosamente nobili, fu presente la bellissima e giovane Donna Mercedes de las Torres, nipote della duchessa Anna. Nella rappresentazione la giovane rivestiva il ruolo della schiava innamorata del suo padrone, interpretato da Gaetano di Casapesenna. Nulla da dire, non fosse altro che Gaetano di Casapesenna era stato l’amante di Anna. Lo scenografico bacio finale di quella che innocente, divenne fatale commedia, accese la gelosia di Anna.

Nei giorni a seguire Donna Mercedes e Anna ebbero numerosi scontri finché Mercedes sparì nel nulla.
Nessuno seppe più che fine avesse fatto. Secondo alcuni si rifugiò in convento in preda ad un’improvvisa vocazione. Gaetano continuò a cercarla, ma invano; finchè la sua vita finì in battaglia.

La storia vuole che nel palazzo si vedano ancora il fantasma di Donna Anna che tormenta i due sventurati amanti Mercedes e Gaetano, destinati a cercarsi in eterno.

Così conclude la Serao in merito alla leggenda di “Palazzo Donn’Anna”:

«Quei fantasmi sono quelli degli amanti? O divini, divini fantasmi! Perché non possiamo anche noi, come voi, spasimare d’amore anche dopo la morte?»

Tratto da: Napoli Occulta

naples 260x160 - Lo strano caso del dottor Efisio Marini, detto "Il Pietrificatore"
Cultura
Lo strano caso del dottor Efisio Marini, detto “Il Pietrificatore”

La fissazione per i corpi, il sangue e la morte ha segnato la città per tutto il medioevo. Ma questa ossessione è riuscita anche, per dir così, a trasformarsi e ad entrare nella modernità. È il caso del dottor Efisio Marini detto “Il Pietrificatore”, vissuto nell’Ottocento. Il soprannome gli venne dato per via delle sue ricerche nel campo della conservazione di cadaveri e parti anatomiche. Efisio Marini elaborò un metodo completamente personale di mummificazione che permetteva di pietrificare i cadaveri senza tagli o iniezioni sugli stessi. La pietrificazione era invertibile: era possibile restituire ai corpi pietrificati il colore e la consistenza originali. Immaginate una persona schiva, che trafficava con pezzi di cadaveri, che mummificava con un procedimento segreto. E’ normale che fosse circondato da un alone sinistro creatosi intorno a lui anche a causa propria dimora, disseminata di reliquie anatomiche di persone e animali. Morì a Napoli l’11 settembre del 1900 senza rivelare le formule per attuare il suo metodo di imbalsamazione. Un alchimista o un mago, più che un dottore. Il Museo Anatomico di Napoli conserva alcuni dei lavori di Efisio Marchini. E sono davvero cose per chi ha lo stomaco forte: tra le opere conservate c’è anche un …

castel dell ovo 260x160 - Virgilio e Napoli: storia di un legame profondo
Cultura
Virgilio e Napoli: storia di un legame profondo

“Mi ha generato Mantova, il Salento mi ha strappato alla vita, ora Napoli conserva i miei resti; ho cantato pascoli, campi, eroi“. Questo è l’epitaffio di Publio Virgilio Marone, il famosissimo poeta il cui monumento funebre è collocato nel Parco Virgiliano a Piedigrotta a Napoli. Virgilio era noto, oltre che per le sue doti poetiche anche per le sue doti magiche; veri e propri poteri che spesso venivano utilizzati per proteggere la sua amata Partenope, città dalla quale era stato dolcemente adottato. La sua leggenda era talmente grande che fu eletto protettore della città, fino a quando il buon San Gennaro non si sostituì ad egli (non se n’abbia a male il vate, tutto sommato fu sostituito da una figura che definire cardine per Napoli è quanto meno riduttivo). In realtà tale sostituzione fu fortemente voluta dalla Chiesa al fine di eliminare ogni forma di paganesimo, oltre che dai Normanni che molto poco rispettosamente ne profanarono le ossa. Lessi in un libro alcune tra le sue imprese, molte di queste sono davvero curiose: Costruzione di mura a protezione del centro abitato. Beh, fin qui nulla di strano. La cosa peculiare però è che scelse un ben poco consueto metodo di …

Basilica Santa Chiara
Cultura
Napoli: Il Fantasma del Monastero di Santa Chiara

Tratto da: Napoli Occulta (La città degli spiriti > Il Fantasma del Monastero di Santa Chiara) La più grande chiesa di architettura gotica di Napoli e uno tra i più importanti e grandi complessi monastici della città è la basilica di Santa Chiara. Si tratta della più grande basilica gotica della città, caratterizzata da tre chiostri monumentali, dagli scavi archeologici nell’area circostante, e da un Monastero nelle cui sale è ospitato l’omonimo museo dell’Opera, la cui visita include anche il coro delle monache, con resti di affreschi di Giotto, un grande refettorio, la sacrestia ed altri ambienti basilicali. Costruita nella prima metà del Trecento da Roberto D’Angiò e da sua moglie Sancha di Maiorca, il chiostro sorge su un complesso termale romano risalente al I secolo d.C. ed è rinomato per le sue magnifiche maioliche ritraenti scene campestri e di festa. Ma se il monastero è presente in questa guida è per quanto di sovrannaturale conserva: c’è da segnalare che tuttora al suo interno è possibile percepire la presenza dello spirito di Sancha. È infatti dal 28 luglio 1345, giorno in cui fu tumulata nel monastero, che la sua anima pare vagare triste e insicura lungo il perimetro interno della …