L’universo è una illusione?

Parliamo di David Bohm, noto fisico dell’Università di Londra, recentemente scomparso.

Egli sosteneva che a conferma di tutto ciò di cui abbiamo finora discusso la realtà oggettiva ha modo di esistere.

Secondo la sua tesi, l’universo sarebbe in realtà un ologramma gigantesco e splendidamente dettagliato.

A beneficio di tutti coloro che ignorino cosa sia un ologramma, procedo a spiegarne la natura.

Un ologramma è una fotografia tridimensionale prodotta con l’aiuto di un laser. In pratica l’oggetto da fotografare, viene prima immerso nella luce di un raggio laser, poi un secondo raggio laser viene fatto rimbalzare sulla luce riflessa del primo e lo schema risultante dalla zona di interferenza dove i due raggi si incontrano, viene impresso sulla pellicola fotografica.

Fin qui tutto chiaro? No? Ok, ok, però scommetto che un paio di letture potrebbero esservi di aiuto e risultare risolutive.

La cosa comunque sbalorditiva, è che quella foto contraddistinta da praticamente un intrico di linee chiare e scure, quando è illuminata da un altro raggio laser è in grado di visualizzare l’immagine originale in tre dimensioni.

La tridimensionalità di tali immagini, comunque, non è l’unica caratteristica interessante degli ologrammi. Difatti se l’ologramma di un gatto viene tagliato a metà e poi illuminato da un laser, si scoprirà che ciascuna metà contiene ancora l’intera immagine del gatto.

 

ologramma 300x246 - L'universo è una illusione?

 

Anche continuando a dividere le due metà, vedremo che ogni minuscolo frammento di pellicola conterrà sempre una versione più piccola, ma intatta, della stessa immagine.

Diversamente dalle normali fotografie, ogni parte di un ologramma contiene tutte le informazioni possedute dall’ologramma integro!

Spettacolare.

Se ci pensate bene, questa caratteristica degli ologrammi ci fornisce una maniera totalmente nuova di comprendere i concetti di organizzazione e di ordine.

Ci suggerisce un sorta di nuovo tipo di olismo.

Gli ologrammi ci insegnano che alcuni fenomeni fisici potrebbero rientrare in questo tipo di approccio.

Una intuizione che suggerì a Bohm una strada diversa per comprendere la scoperta del professor Aspect.

Il concetto di per sè è fondamentalmente semplice, se ci pensate.

Bohm si convinse che il motivo per cui le particelle subatomiche restano in contatto indipendentemente dalla distanza che le separa, risiede nel fatto che la loro separazione è un’illusione.

Tali particelle, apparterrebbero ad uno stesso “organismo” e quindi non dovrebbero essere considerate entità individuali. Esse apparterrebero ad una sorta di campo che connette tutte le cose.

Facciamo un esempio.

Bohm, prendeva in ballo un acquario; noi invece utilizziamo il nostro consueto gatto.

Immaginate un felino, riposto in un box trasparente, ripreso da due telecamere distinte: una laterale ed una frontale.

Mentre guardiamo i due monitor televisivi, possiamo pensare che i gatti visibili sui monitor siano in realtà due. Le due telecamere infatti ci mostrerebbero immagini abbastanza diverse.

Solo mediante una occhiata più accurata, potremmo accorgerci che in realtà vi è un certo legame tra loro: quando uno si gira, anche l’altro si gira; quando uno guarda di fronte a sé, l’altro guarda lateralmente.

Una sincronizzazione felina alquanto sospetta, non credete?

Sembrerebbe esistere quasi una sorta di comunicazione instantanea tra di loro (vi ricorda qualcosa il concetto vero?).

Secondo Bohm, se le particelle subatomiche ci appaiono separate è perché siamo capaci di vedere solo una porzione della loro realtà. Esse sono sfaccettature di un’unità più profonda e basilare, che risulta infine altrettanto olografica ed indivisibile quanto il nostro gatto. E poiché ogni cosa nella realtà fisica è costituita da queste “immagini”, ne consegue che l’universo stesso è una proiezione, un ologramma.

Le ripercussioni ancora più profonde di una considerazione del genere, implicherebbero che, ad un livello più profondo, tutte le cose siano infinitamente collegate.

Gli elettroni di un atomo di carbonio del cervello di un gatto, sono connessi alle particelle subatomiche che costituiscono ogni merluzzo che nuota, ogni cuore che batte ed ogni stella che brilla nel cielo.

Tutto compenetra tutto.

Anche lo spaziotempo andrebbe analizzato in base a questa interpretazione.

In questa sorta di super-ologramma, il passato, il presente ed il futuro, coesistono simultaneamente.

Piuttosto avendo gli strumenti appropriati, un giorno potremmo spingerci entro un opportuno livello di realtà, che ci consentirebbe di cogliere delle scene del nostro passato da lungo tempo dimenticato.

E’ il concetto di super magazzino cosmico in cui è presente Tutto ciò che Esiste.

Prima abbiamo affermato che ogni singola parte di una pellicola olografica contiene tutte le informazioni in possesso della pellicola integra; se ci pensate bene equivale a dire che l’informazione è distribuita non-localmente.

Tutto sembra tornare in modo semplice ed armonico.

 

Rielaborato da “Il mio gatto odia Schrodinger

gatto buco nero 260x160 - Cos'è un buco nero
Scienza
Cos’è un buco nero

Un buco nero, uno degli oggetti più strani ed affascinanti del cosmo dopo il mio gatto, può aver luogo a seguito dell’esplosione di una stella molto massiccia, grande più di sei/sette volte il Sole. Esso viene a crearsi nel momento in cui il nucleo della stella crolla sotto il proprio peso e non riesce a controbilanciarsi nemmeno comprimendosi al massimo. Situazione che molti gatti obesi, devo ammettere, malauguratamente condividono. Niente può fermare la caduta della materia verso il centro della stella. L’intera massa del nucleo, tenderà a concentrarsi improrogabilmente in un unico punto. Vi spiego perché. Il meccanismo che consente ad una stella di “brillare” durante la fase principale della sua vita è essenzialmente semplice. Quanto meno nei suoi concetti di base. La stella si sostenta ed emette energia attraverso la fusione nucleare nella sua regione centrale (in cui molti atomi di idrogeno vengono fusi a quattro a quattro, producendo nuclei di elio ed energia). L’energia prodotta in questo caldissimo nucleo è impiegata per sostenere il peso degli strati di gas che circondano il nucleo stesso, ed è emessa all’esterno sotto forma di radiazione. Vengono quindi a realizzarsi praticamente due tipi di equilibri: uno idrostatico ed uno inerente il bilancio …

mela 260x160 - Newton e la mela
Scienza
Newton e la mela

Chiunque, anche il meno attento di voi, si ricorderà del famoso aneddoto di “Newton e la mela”. È una storiella che viene spesso raccontata e con tutta probabilità ha la sua buona dose di verità. Si racconta che, tanto tempo fa, l’ottimo scienziato, fosse intento come suo solito a studiare i movimenti dei pianeti e delle forze che praticamente sembravano mantenerli in orbita, quando d’improvviso accadde il fatto: ecco venire giù una mela. Una consuetudine di poca importanza per praticamente tutti noi. Ecco cadere a terra un pomo, pochi secondi prima, ancora appeso ad un albero poco distante. Il genio a quel punto si domandò: “possibile che la forza che attrae la mela verso la Terra sia dello stesso tipo di quella che mantiene la luna in orbita?”. Ecco, adesso che ci ragiono, noi ci saremmo detti tutt’altro certamente. Che so, qualcosa del tipo: “meglio darle una sciacquata prima che marcisca” o ancora, molto più probabilmente, “adesso mia moglie mi obbligherà a raccogliere tutte le mele da quel dannato albero prima che vadano a male.”. E invece lui no. Ed è lì che nasce il genio. Il genio nasce dalla curiosità, dalla passione. Dal saper osservare il mondo con la …

ScienzaI libri del blogPassione scritturaCollabora con noi