Lo stress fa ingrassare. È provato.

cat 1351612 640 300x199 - Lo stress fa ingrassare. È provato.Lo spiegavo qualche tempo fa a mia moglie, la quale interessatissima, estasiata come si confà ad ella in occasioni del genere, ha continuato a svolgere le proprie mansioni ignorandomi serenamente. Come se nulla fosse accaduto.

L’eccessivo stress fa ingrassare, è provato.

Dovete sapere che quando l’uomo era ancora un ominide, cioè diverse migliaia di anni fa per qualcuno, giusto ieri per altri, il suo lavoro consisteva nel procacciarsi il cibo tramite caccia e raccolta. A quel tempo era solito vagare lungo poco agevoli ed impervi tragitti disseminati da bestie feroci, pronte a sgranocchiarlo in un paio di bocconi.

Ebbene, capirete che, vista la precarietà di tale situazione, in caso di pericolo, di lotta, di massima allerta, l’organismo del suddetto attivava gli ormoni dello stress, cioè catecolamine e cortisolo, i quali hanno l’effetto di aumentare l’attenzione, la gittata cardiaca, e di demolire le riserve energetiche per fornire glucosio a muscoli e cervello. Insomma, gli ormoni che preparano il corpo alla lotta, alla corsa, o comunque ad una intensa attività. Sono ormoni che ALZANO LA GLICEMIA. Ormoni cazzuti, diciamo.

Il povero ominide, scampato il pericolo o terminata la lotta per procacciarsi il cibo, si riposava o si nutriva, con la conseguenza che gli ormoni dello stress si interrompevano/calavano per dar spazio a insulina, testosterone e ad altri ormoni anabolici.

L’insulina alzava la serotonina con senso di RILASSAMENTO e SOLLIEVO.

L’uomo e la donna occidentali di oggi vivono con ritmi e tensioni sconosciuti all’uomo primitivo. Vivono ora in condizioni di STRESS CONTINUATIVO. Questo porta ad un iperlavoro del surrene e quindi come prima evidenziato ad un aumento della frequenza cardiaca e della glicemia.

È una condizione di disagio.

L’uomo moderno cerca inconsciamente di rilassarsi mangiando in continuazione alimenti ad alto indice glicemico (trad: si abbuffa di dolci), al fine di alzare i neurotrasmettitori preposti alla distensione e al riposo, tramite picco insulinico.

Purtroppo, però, a differenza del passato, gli eventi stressanti non calando in modo significativo costringono lo stesso a svuotare file e file di distributori automatici in cerca di qualcosa di dolce (talvolta pagato a prezzo d’oro zecchino).

Ecco io ora ve l’ho detto. Adesso questa scusa non c’è che giocarsela per bene.

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ufo
Frivolezze
Manicaretti cosmici

Un racconto umoristico sugli alieni La bambina osservava il suo gatto con espressione severa nei grandi occhi azzurro cielo. “Mio Dio, guardati, Fluffy. Un giorno dovrò decidermi a metterti a dieta”, dichiarò quindi con fare impertinente. Il micio non sembrava particolarmente toccato dalla considerazione, e si guardava intorno in cerca di qualcosa di commestibile. Era un primo pomeriggio d’estate, quando nessuno osa ancora popolare le strade e la canicola è tale che persino il sole sembra volersi rinfrescare tuffandosi flemmaticamente nell’oceano a sera, quando il giorno si dà vinto al caldo e alla noia. La ramanzina venne interrotta da un rumore assordante e da un odore di bruciaticcio proveniente dalla collina che sovrastava la villetta dove giocavano la bimba e il gatto: una grande astronave grigia e fumante si era appena appoggiata a terra su zampe lucide di metallo. Strane creature cineree e umanoidi scesero e si diressero verso la frugoletta. “Xampus, ci siamo: è arrivato il momento di agire. Accenda il traduttore chitammuonico.” “Operativo, Capo.” “Peccato che i terrestri non hanno il detto ‘rubare le caramelle ai bambini’, perché si adatterebbe perfettamente al momento. Salve, curiosa e giovane creatura terrestre: noi veniamo in pace, ma affamati. Sappi che siamo …

Leon M. Lederman
Citazioni
La fisica non è una religione

“La fisica non è una religione. Se lo fosse, sarebbe per noi molto più facile raccogliere denaro.” Leon Max Lederman (New York, 15 luglio 1922) è un fisico statunitense. Ha vinto il Premio Nobel per la fisica nel 1988 per i suoi lavori sui neutrini.

ScienzaI libri del blogPassione scritturaCollabora con noi