L’indecidibilità approda nella fisica quantistica

RICERCA – Una delle questioni fondamentali della fisica particellare e quantistica, quella dello spectral gap, non ha soluzione. Non esiste, cioè, un metodo matematico per definirlo come vero o falso ed è quindi “indecidibile“.

Queste sono le conclusioni di uno studio dello University College di Londra pubblicato sulla rivista Nature che evidenziano, per la prima volta, questo limite matematico in un problema fisico. Al di là della rilevanza teorica dello studio, i risultati sono importanti perché mostrano che anche una perfetta descrizione delle proprietà microscopiche di un materiale non sono sufficienti a predire il suo comportamento macroscopico, come per esempio le sue potenzialità conduttive a temperatura ambiente. Cose da far rivedere l’approccio allo studio dei semiconduttori e superconduttori.

Lo spectral gap, ovvero l’energia necessaria per trasferire un elettrone a uno stato di eccitamento, è una proprietà fondamentale per definire se un materiale può essere o meno un superconduttore.

Si definiscono superconduttori quei materiali in grado di porre una resistenza nulla al passaggio di una corrente elettrica a determinate temperature e di espellere i campi magnetici presenti al loro interno. Per dare una dimensione “terrena” ai superconduttori basta pensare che il loro utilizzo spazia dall’LHC al CERN di Ginevra alla costruzione di magneti superconduttori per le risonanze magnetiche nucleari. Ora, il fatto che un materiale possa essere un superconduttore o no dipende dalla sua natura quantistica e in particolare dal suo spectral gap, e proprio qui sta il problema. Secondo i ricercatori che hanno firmato lo studio, infatti, anche in presenza di una descrizione microscopica di un materiale, non è possibile sapere se questo ha uno spectral gap. Si tratta, appunto, di un problema indecidibile.

L’indecidibilità di alcuni problemi matematici, ossia l’impossibilità di dire se siano veri o falsi, è stata postulata in un teorema nei primi anni Trenta del secolo scorso da Kurt Gödel.

Lo stesso teorema ispirò, appena qualche anno dopo, Alan Turing che scoprì che lo stesso si poteva dire anche di alcuni algoritmi. “Alan Turing è famoso in tutto il mondo per aver violato il codice Enigma”, spiega  Toby Cubitt, uno degli autori, “ma tra i matematici e gli informatici è ancora più famoso per aver dimostrato che alcuni problemi sono irrisolvibili e vanno quindi al di là del potere della matematica. Abbiamo dimostrato che lo spectral gap è uno di questi. Questo significa che non esiste un metodo generale per capire se un materiale descritto dalla meccanica quantistica abbia o meno uno spectral gap. E questo limita la nostra capacità di prevedere il comportamento dei materiali quantici e, potenzialmente, anche delle particelle fondamentali della fisica”.

Teorema vecchio, quindi, ma problema nuovo, è il caso di dire. L’indecibibilità, come dicevamo prima, è nota da molto ma si pensava fosse una prerogativa  esclusiva di logica, matematica e informatica teorica. Il fatto che possa riguardare anche la fisica quantistica, come dimostrato oggi, apre le porte a nuove ipotesi e potrebbe, in futuro, avere importanti ripercussioni nella fisica dei materiali.

Pubblicato con licenza Creative Commons Attribuzione-Non opere derivate 2.5 Italia.   80x15 - L’indecidibilità approda nella fisica quantistica
Crediti immagine: CERN

Fonte: https://oggiscienza.it/2016/01/08/fisica-quantistica-superconduttori-indecidibile/

gatto buco nero 260x160 - Cos'è un buco nero
Scienza
Cos’è un buco nero

Un buco nero, uno degli oggetti più strani ed affascinanti del cosmo dopo il mio gatto, può aver luogo a seguito dell’esplosione di una stella molto massiccia, grande più di sei/sette volte il Sole. Esso viene a crearsi nel momento in cui il nucleo della stella crolla sotto il proprio peso e non riesce a controbilanciarsi nemmeno comprimendosi al massimo. Situazione che molti gatti obesi, devo ammettere, malauguratamente condividono. Niente può fermare la caduta della materia verso il centro della stella. L’intera massa del nucleo, tenderà a concentrarsi improrogabilmente in un unico punto. Vi spiego perché. Il meccanismo che consente ad una stella di “brillare” durante la fase principale della sua vita è essenzialmente semplice. Quanto meno nei suoi concetti di base. La stella si sostenta ed emette energia attraverso la fusione nucleare nella sua regione centrale (in cui molti atomi di idrogeno vengono fusi a quattro a quattro, producendo nuclei di elio ed energia). L’energia prodotta in questo caldissimo nucleo è impiegata per sostenere il peso degli strati di gas che circondano il nucleo stesso, ed è emessa all’esterno sotto forma di radiazione. Vengono quindi a realizzarsi praticamente due tipi di equilibri: uno idrostatico ed uno inerente il bilancio …

mela 260x160 - Newton e la mela
Scienza
Newton e la mela

Chiunque, anche il meno attento di voi, si ricorderà del famoso aneddoto di “Newton e la mela”. È una storiella che viene spesso raccontata e con tutta probabilità ha la sua buona dose di verità. Si racconta che, tanto tempo fa, l’ottimo scienziato, fosse intento come suo solito a studiare i movimenti dei pianeti e delle forze che praticamente sembravano mantenerli in orbita, quando d’improvviso accadde il fatto: ecco venire giù una mela. Una consuetudine di poca importanza per praticamente tutti noi. Ecco cadere a terra un pomo, pochi secondi prima, ancora appeso ad un albero poco distante. Il genio a quel punto si domandò: “possibile che la forza che attrae la mela verso la Terra sia dello stesso tipo di quella che mantiene la luna in orbita?”. Ecco, adesso che ci ragiono, noi ci saremmo detti tutt’altro certamente. Che so, qualcosa del tipo: “meglio darle una sciacquata prima che marcisca” o ancora, molto più probabilmente, “adesso mia moglie mi obbligherà a raccogliere tutte le mele da quel dannato albero prima che vadano a male.”. E invece lui no. Ed è lì che nasce il genio. Il genio nasce dalla curiosità, dalla passione. Dal saper osservare il mondo con la …

ScienzaI libri del blogPassione scritturaCollabora con noi