Il tempo è una illusione

cat 874127 640 300x300 - Il tempo è una illusioneMolti filosofi si sono contraddistinti nel pensare che il tempo fosse una illusione. Ad oggi anche molti fisici stanno incominciando a pensarla nella stessa maniera.

Ma quale è, dunque, la natura del tempo?

Adrian Bardon, proprio come Carlo Rovelli, partono dalle risposte che Parmenide di Elea, tra il VI e il V secolo avanti cristo diede.

Il tempo è tra quelle cose che ci appaiono diverse da quelle che sono.

Il tempo è quella cosa che il mio gatto mi fa perdere quando rimane imbambolato sull’uscio del balcone, indeciso se entrare o meno.

Ma andiamo per gradi ed in ordine cronologico, visto il tema.

  1. Per Newton, come visto, il tempo e lo spazio entro cui si svolgono le nostre vicende sono assoluti.
  2. Siamo nell’anno 1905 ed ecco Einstein dare una bella picconata a tale convinzione con la sua teoria della relatività speciale.

Il tempo in sé non esiste: tutt’al più esiste la rete quadridimensionale dello spaziotempo.

  1. Ancora pochi anni dopo (tra il 1915 e il 1926) ed ecco di nuovo Einstein continuare ad infierire su quanto costruito da Newton, definendo le equazioni della relatività generale.

Non solo il tempo assoluto non esiste, ma anche lo spaziotempo è una rete distorta dalla materia e dall’energia.

  1. Ancora pochi anni ed ecco apparire inaspettata una nuova rivoluzione in fisica, quella della meccanica quantistica.

Nel microscopico, lo spaziotempo cessa di essere una rete continua, per quanto fluttuante, e diventa il regno del discontinuo. Una sorta di schiuma. La schiuma dello spaziotempo.

  1. Ultima tappa: la fisica può fare a meno del tempo.

Nelle equazioni del “modello della gravità quantistica a loop”, con cui Carlo Rovelli,  Lee Smolin e altri, cercano di unificare la relatività generale di Einstein e la meccanica quantistica, il tempo scompare.

Viene introdotto il concetto di “atomi di spazio”.

L’universo e la sua storia, non sono altro che modi in cui si dispongono questi “atomi di spazio”.

Ovviamente questo è ciò che viene affermato nel “modello della gravità quantistica a loop”.

E’ necessario considerare comunque che nel  “modello delle stringhe”, il tempo, inteso almeno come elemento della schiuma dello spaziotempo, permane.

Disse bene Einstein: se me lo chiedi ora so cos’è il tempo, una mera illusione.

 

Tratto da “Il mio gatto odia Schrodinger

 

gatto buco nero 260x160 - Cos'è un buco nero
Scienza
Cos’è un buco nero

Un buco nero, uno degli oggetti più strani ed affascinanti del cosmo dopo il mio gatto, può aver luogo a seguito dell’esplosione di una stella molto massiccia, grande più di sei/sette volte il Sole. Esso viene a crearsi nel momento in cui il nucleo della stella crolla sotto il proprio peso e non riesce a controbilanciarsi nemmeno comprimendosi al massimo. Situazione che molti gatti obesi, devo ammettere, malauguratamente condividono. Niente può fermare la caduta della materia verso il centro della stella. L’intera massa del nucleo, tenderà a concentrarsi improrogabilmente in un unico punto. Vi spiego perché. Il meccanismo che consente ad una stella di “brillare” durante la fase principale della sua vita è essenzialmente semplice. Quanto meno nei suoi concetti di base. La stella si sostenta ed emette energia attraverso la fusione nucleare nella sua regione centrale (in cui molti atomi di idrogeno vengono fusi a quattro a quattro, producendo nuclei di elio ed energia). L’energia prodotta in questo caldissimo nucleo è impiegata per sostenere il peso degli strati di gas che circondano il nucleo stesso, ed è emessa all’esterno sotto forma di radiazione. Vengono quindi a realizzarsi praticamente due tipi di equilibri: uno idrostatico ed uno inerente il bilancio …

mela 260x160 - Newton e la mela
Scienza
Newton e la mela

Chiunque, anche il meno attento di voi, si ricorderà del famoso aneddoto di “Newton e la mela”. È una storiella che viene spesso raccontata e con tutta probabilità ha la sua buona dose di verità. Si racconta che, tanto tempo fa, l’ottimo scienziato, fosse intento come suo solito a studiare i movimenti dei pianeti e delle forze che praticamente sembravano mantenerli in orbita, quando d’improvviso accadde il fatto: ecco venire giù una mela. Una consuetudine di poca importanza per praticamente tutti noi. Ecco cadere a terra un pomo, pochi secondi prima, ancora appeso ad un albero poco distante. Il genio a quel punto si domandò: “possibile che la forza che attrae la mela verso la Terra sia dello stesso tipo di quella che mantiene la luna in orbita?”. Ecco, adesso che ci ragiono, noi ci saremmo detti tutt’altro certamente. Che so, qualcosa del tipo: “meglio darle una sciacquata prima che marcisca” o ancora, molto più probabilmente, “adesso mia moglie mi obbligherà a raccogliere tutte le mele da quel dannato albero prima che vadano a male.”. E invece lui no. Ed è lì che nasce il genio. Il genio nasce dalla curiosità, dalla passione. Dal saper osservare il mondo con la …

ScienzaI libri del blogPassione scritturaCollabora con noi