Il paradosso dell’asta nel fienile

La teoria della relatività di Einstein è fonte inesauribile di situazioni che vanno davvero oltre il senso comune delle cose.

Andremo ora ad analizzare un paradosso molto divertente relativo alla relatività speciale. Una stranezza certamente meno conosciuta rispetto a quella dei gemelli, ma altrettanto interessante e curiosa (se non di più): si tratta de “Il paradosso dell’asta nel fienile”.

Fienile

Sappiamo che a velocità prossime a quelle della luce, un oggetto diventa più corto rispetto allo stato di quiete, tanto che un razzo che viaggi a velocità prossime a quelle della luce apparirà molto più corto di quando è partito.

Secondo Einstein, infatti, lo spazio ed il tempo si deformano in prossimità di corpi molto massicci (come i pianeti, i buchi neri, ecc…) oppure quando un corpo si muove a una velocità esageratamente alta tale da essere comparabile a quella della luce. In tali situazioni lo spazio si “accorcia” ed il tempo “rallenta”.

Aggiungo: maggiore è l’accelerazione raggiunta, maggiormente “il tempo ci rema contro”, fino ad arrivare a fermarsi al raggiungimento del limite massimo, quello ottenibile alla velocità della luce.

Ebbene, fatte queste premesse, ipotizziamo ora di avere un atleta con un’asta lunga esattamente quanto un fienile.

La scena che dovete a questo punto immaginare è la seguente: l’atleta prende a correre verso il fienile, che è aperto, a una velocità davvero vicina a quella della luce. Il risultato previsto, per quello che ci siamo appena detti, sarà quello per cui l’asta comincia ad accorciarsi spaventosamente fino al momento in cui sparirà all’interno del fienile prima di riapparire dal lato opposto.

Il punto di vista dell’atleta è però diverso, per l’uomo è il fienile che si riduce: per cui egli sperimenterà che l’asta esce dall’altra parte prima ancora che a stessa sia completamente entrata nel pagliaio.

Incredibile.

Incredibile soprattutto se ragionate riguardo il fatto che entrambi i due punti di vista sono ugualmente corretti!

citazione feynman 1 260x160 - Richard Feynman riguardo la fisica quantistica
Citazioni
Richard Feynman riguardo la fisica quantistica

Richard Feynman (IPA: [ˈfaɪnmən]) (New York, 11 maggio 1918 – Los Angeles, 15 febbraio 1988) è stato un fisico e divulgatore scientifico statunitense, Premio Nobel per la fisica nel 1965 per l’elaborazione dell’elettrodinamica quantistica.

eccitonio 260x160 - Un nuovo stato della materia: l’eccitonio
Scienza
Un nuovo stato della materia: l’eccitonio

L’esistenza dell’eccitonio era stata teorizzata cinquant’anni fa, ma fino ad oggi la dimostrazione della sua esistenza continuava a sfuggire agli scienziati RICERCA – Lo stavano cercando da cinquant’anni e alla fine lo hanno osservato per caso. Stiamo parlando dell’eccitonio, una forma di materia la cui esistenza era stata teorizzata da tempo, ma che non era mai stata osservata. La scoperta è stata pubblicata sulla rivista Science. Ad incappare nell’eccitonio è stato un team internazionale di ricercatori guidato da Peter Abbamonte, professore di fisica alla Illinois University, mentre spetta a Jasper van Wezel, professore di fisica della University of Amsterdam l’interpretazione teorica dell’esperimento che ha fornito la conferma della scoperta. “Ricordo che Anshul era molto eccitato dal risultato delle nostre prime misure sul TiSe2. Eravamo nel laboratorio in piedi vicino la lavagna quando mi ha spiegato che avevamo osservato per la prima volta qualcosa che nessuno aveva mai visto prima: un plasmone morbido”. Così Mindy Rak, dottoranda nel team di Abbamonte assiema al collega Kogar Anshul, richiama il momento in cui ha realizzato cosa era emerso dai dati. Il plasmone morbido di cui parla è proprio la prova dell’esistenza dell’eccitonio ed è stato osservato in cristalli di titanio diselenio (TiSe2), un materiale semiconduttore molto studiato …

bolla sistema solare 260x160 - La bolla gigante in cui siamo nati
Scienza
La bolla gigante in cui siamo nati

All’alba di un nuovo anno che inizia novità sull’inizio del Sistema Solare. Gli scienziati dell’Università di Chicago hanno elaborato una nuova teoria esauriente e che racconta la nostra storia, a partire da una bolla gigante in cui spirano potenti venti stellari. SCOPERTE – Immaginate una bolla densa di materia, racchiusa in un involucro e in cui spirano all’interno potenti venti stellari. L’incubatrice in cui sono nati il pianeta Terra e l’intero sistema solare avrebbe avuto proprio questo aspetto miliardi di anni fa. A elaborare una nuova ed esauriente teoria sulla nostra origine nell’universo sono stati i ricercatori dell’Università di Chicago, che si sono concentrati sull’intricato mistero delle diverse abbondanze degli isotopi dell’alluminio e del ferro presenti nel sistema solare. A creare la bolla che ci ha ospitato non sarebbe stata dunque una “semplice” esplosione di supernova, ma bensì una gigante stella di Wolf-Rayett, con una massa tra le 40 e le 50 volte pari a quella del nostro Sole, che era morta da tempo. I ricercatori guidati da Vikram Dwarkadas e Nicolas Dauphas hanno pubblicato il risultato ottenuto sulla rivista The Astrophysical Journal, dove spiegano la loro nuova teoria. Fino ad oggi infatti si riteneva che il sistema solare si fosse formato …

ScienzaI libri del blogPassione scritturaCollabora con noi