Il multiverso

Il multivmultiverso 300x127 - Il multiversoerso è una ipotesi scientifica che postula l’esistenza di universi coesistenti e alternativi al di fuori del nostro spaziotempo, spesso denominati dimensioni parallele.

Il termine fu coniato nel 1895 dallo scrittore e psicologo americano William James.

Il concetto di universi paralleli fu poi certamente ripreso da parecchi scrittori di fantascienza, divenendo praticamente un classico del genere.

Dal punto di vista filosofico, l’ipotesi è antica, ma da un punto di vista scientifico, il concetto di multiverso fu proposto in modo rigoroso per la  prima volta da Hugh Everett III nel 1957 nella interpretazione a molti mondi della meccanica quantistica.

E’ doveroso premettere che l’ipotesi si colloca attualmente nella scienza di confine, ma è talmente affascinante che devo assolutamente parlarvene.

Tra i sostenitori di almeno uno dei modelli del multiverso ci sono comunque Stephen Hawking, Steven Weinberg, Brian Greene, Michio Kaku, Neil Turok, Lee Smolin, Max Tegmark, Andrej Linde e Alex Vilenkin. Non proprio gli ultimi arrivati.

Il concetto di multiverso, quello proposto da Hugh Everett III nella sua tesi di dottorato (The Many-Worlds Interpretation of Quantum Mechanics, abbreviata in MWI), prevede essenzialmente che che ogni misura quantistica porti alla divisione dell’universo in tanti universi paralleli quanti sono i possibili risultati dell’operazione di misura.

In pratica secondo questa teoria, il gatto non è o vivo o morto. E’ vivo e morto, ma in due universi paralleli (vedi: paradosso del gatto di Schrödinger)

Io rimarrei in meditazione per almeno i prossimi 20 secondi. Fate pure che vi aspetto.

Le leggi fisiche sarebbero uguali ovunque, e praticamente accadrebbe che non avvenga mai il cosiddetto collasso della funzione d’onda, il quale riduce l’osservabile ad un solo rilevabile stato conclusivo fra quelli teoricamente previsti.

Ognuno degli stati possibili quindi, si concretizzerebbe materialmente tramite la continua diramazione dell’intera realtà/universo che li contiene. Il tutto procedendo in maniera coerente con gli stati risultanti e secondo le probabilità con cui essi possono manifestarsi (seguendo quindi le previsioni delle rispettive funzioni d’onda).

Sono concetti che probabilmente avrete bisogno di leggere più di una volta.

Banalizzando, la teoria prevede che il vostro animale domestico possa esistere nelle infinite dimensioni parallele previste, in tutte le maniere possibili.

Grasso/magro, con occhi chiari/con occhi scuri, con pochi peli/con molti peli, con i baffi lunghi/senza baffi, con poca fame/con molta fame.

Nel caso del mio gatto rimango scettico sulla opzione “con poca fame”, ma si sa, a volte la scienza porta a risultati del tutto inaspettati.

Tratto da: “Il mio gatto odia Schrödinger

citazione feynman 1 260x160 - Richard Feynman riguardo la fisica quantistica
Citazioni
Richard Feynman riguardo la fisica quantistica

Richard Feynman (IPA: [ˈfaɪnmən]) (New York, 11 maggio 1918 – Los Angeles, 15 febbraio 1988) è stato un fisico e divulgatore scientifico statunitense, Premio Nobel per la fisica nel 1965 per l’elaborazione dell’elettrodinamica quantistica.

eccitonio 260x160 - Un nuovo stato della materia: l’eccitonio
Scienza
Un nuovo stato della materia: l’eccitonio

L’esistenza dell’eccitonio era stata teorizzata cinquant’anni fa, ma fino ad oggi la dimostrazione della sua esistenza continuava a sfuggire agli scienziati RICERCA – Lo stavano cercando da cinquant’anni e alla fine lo hanno osservato per caso. Stiamo parlando dell’eccitonio, una forma di materia la cui esistenza era stata teorizzata da tempo, ma che non era mai stata osservata. La scoperta è stata pubblicata sulla rivista Science. Ad incappare nell’eccitonio è stato un team internazionale di ricercatori guidato da Peter Abbamonte, professore di fisica alla Illinois University, mentre spetta a Jasper van Wezel, professore di fisica della University of Amsterdam l’interpretazione teorica dell’esperimento che ha fornito la conferma della scoperta. “Ricordo che Anshul era molto eccitato dal risultato delle nostre prime misure sul TiSe2. Eravamo nel laboratorio in piedi vicino la lavagna quando mi ha spiegato che avevamo osservato per la prima volta qualcosa che nessuno aveva mai visto prima: un plasmone morbido”. Così Mindy Rak, dottoranda nel team di Abbamonte assiema al collega Kogar Anshul, richiama il momento in cui ha realizzato cosa era emerso dai dati. Il plasmone morbido di cui parla è proprio la prova dell’esistenza dell’eccitonio ed è stato osservato in cristalli di titanio diselenio (TiSe2), un materiale semiconduttore molto studiato …

bolla sistema solare 260x160 - La bolla gigante in cui siamo nati
Scienza
La bolla gigante in cui siamo nati

All’alba di un nuovo anno che inizia novità sull’inizio del Sistema Solare. Gli scienziati dell’Università di Chicago hanno elaborato una nuova teoria esauriente e che racconta la nostra storia, a partire da una bolla gigante in cui spirano potenti venti stellari. SCOPERTE – Immaginate una bolla densa di materia, racchiusa in un involucro e in cui spirano all’interno potenti venti stellari. L’incubatrice in cui sono nati il pianeta Terra e l’intero sistema solare avrebbe avuto proprio questo aspetto miliardi di anni fa. A elaborare una nuova ed esauriente teoria sulla nostra origine nell’universo sono stati i ricercatori dell’Università di Chicago, che si sono concentrati sull’intricato mistero delle diverse abbondanze degli isotopi dell’alluminio e del ferro presenti nel sistema solare. A creare la bolla che ci ha ospitato non sarebbe stata dunque una “semplice” esplosione di supernova, ma bensì una gigante stella di Wolf-Rayett, con una massa tra le 40 e le 50 volte pari a quella del nostro Sole, che era morta da tempo. I ricercatori guidati da Vikram Dwarkadas e Nicolas Dauphas hanno pubblicato il risultato ottenuto sulla rivista The Astrophysical Journal, dove spiegano la loro nuova teoria. Fino ad oggi infatti si riteneva che il sistema solare si fosse formato …

ScienzaI libri del blogPassione scritturaCollabora con noi