Fisica quantistica e mente dell’uomo. Il modello ORCH-OR.

Roger Penrose 6Nov2005 300x200 - Fisica quantistica e mente dell'uomo. Il modello ORCH-OR.
Roger Penrose
Photo: Festival della scienza
 CC BY-SA 2.0

Il presunto legame esistente tra fisica quantistica e mente è sempre più spesso oggetto di elucubrazioni, spesso interessanti, molto più spesso, davvero fantasiose.
Uno dei modelli che però sembra più avvicinarsi ad una spiegazione scientifica alla base di tale rapporto è senza dubbio il modello ORCH-OR.

Provo a spiegarvelo nel modo più immediato possibile.

Il modello ORCH-OR è un particolare modello della mente ideato da Roger Penrose (matematico, fisico, cosmologo e filosofo britannico – premio wolf per la fisica nel 1988) e Stuart Hameroff (medico anestesista statunitense e professore presso l’Università dell’Arizona).

Secondo la teoria formulata da Penrose, il cervello umano potrebbe non essere guidato da procedimenti che consentono, con un numero finito di passi eseguiti, di ottenere dei risultati determinati (parliamo di veri e propri algoritmi). Piuttosto si suppone che esso possa essere vincolato a precisi processi quantistici.

Abbiamo già discusso in questo articolo, di come la fisica quantistica si comporti in maniera del tutto differente rispetto a ciò che è da considerare ambito della fisica classica. Gli oggetti che infatti fanno parte di tale teoria, ricorderete, si trovano in stati che dichiariamo essere “indefiniti”, descrivibili solo mediante la “funzione d’onda” di Schrödinger; e quando avviene il loro collasso, la scelta di dove essi si paleseranno è del tutto casuale.

Ecco, è qui che l’idea di Penrose comincia a farsi concreta: lo scienziato ha ipotizzato che le idee più diffuse circa il collasso della funzione d’onda potrebbero applicarsi solo a situazioni in cui c’è interazione con l’ambiente, casi in cui si effettua una vera e propria misurazione, e che quindi esse non si applichino ai casi in cui i quanti non sono oggetto di misurazioni o interazioni (casi in cui quindi restano isolati dall’ambiente).

In tali situazioni, egli ha proposto che essi possano essere soggetti a una diversa forma di collasso.

1024px Microtubuli completo 300x194 - Fisica quantistica e mente dell'uomo. Il modello ORCH-OR.
Microtubuli
Bruce The Deus – Opera Propria
CC BY-SA 3.0

Ma prima di approfondire la cosa, introduciamo nel nostro discorso delle particolari strutture intracellulari denominate “microtubuli”, la cui funzione principale è l’organizzazione ed il trasporto intracellulare, oltre ad assicurare anche una certa stabilità meccanica alle cellule, giocando quindi un ruolo di fondamentale importanza nella divisione di quest’ultime.

La teoria ORCH-OR brevemente ipotizza che i microtubuli cellulari possano funzionare da elementi di calcolo quantistico.

All’interno di essi, infatti, la coerenza di stati di sovrapposizione quantistica sarebbe mantenuta fino al collasso della funzione d’onda, la quale si verifica nel momento in cui tale sovrapposizione non può più essere mantenuta.

Penrose postula che ogni sovrapposizione quantistica ha una sua area specifica, separata l’una dall’altra, fino a costituire una corta di bolla nello spazio-tempo; ma non appena tale bolla raggiunge il limite dell’ordine della scala di Planck (10-35 m), essa diventa instabile a causa della gravità che a quel punto si fa sentire tangibilmente.
Quando un’area di coerenza quantistica collassa a causa di essa, il collasso si forma in modo da scegliere solo una delle possibili posizioni per particella e si avrebbe quindi un istante di coscienza.

La teoria è davvero affascinante.

C’è da dire però che la causa fisica dell’attività coerente nei microtubuli, secondo Penrose e Hamerhoff, si pensava fossero i “condensati di Fröhlich”, ma uno studio del 2009 ha scardinato tale ipotesi in quanto si è evidenziato come per formare condensati di Fröhlich coerenti siano necessarie energie e temperature molto elevate (anche di cento milioni di Kelvin), e che quindi essi non possano esistere in sistemi biologici (almeno della forma ipotizzata dalla teoria Orch OR).

 

Albert Einstein And Niels Bohr
Scienza
La teoria della misurazione di Bohr

Spesso viene da chiedersi: “Cosa realizza la realtà?” Tratto da: Fisica quantistica per curiosi Esistono diverse risposte alla domanda “Cosa realizza la realtà?” e la prima risposta è contenuta nella teoria della misurazione di Bohr (scuola di Copenhagen), riportata nel testo dello studioso “Atomic theory in the description of nature” (Cambridge, 1934). Ed in essa si afferma che la riduzione della funzione d’onda avvenga a livello dello strumento di misura. Quest’ultima è l’interpretazione della meccanica quantistica maggiormente condivisa fra gli studiosi (nessuna speranza quindi che la coscienza dell’osservatore entri in ballo nel processo di realizzazione della realtà). Bohr volle subito eliminare la figura di un osservatore cosciente, e pensò immediatamente come sostituirlo con diversi artifizi. In pochi anni fu quindi messa a punto la versione definitiva della “interpretazione di Copenaghen”, la quale sostituì ad esso una “reazione termodinamica irreversibile”, affinché quindi lo stato non oggettivo potesse diventare uno stato oggettivo. La cosa fa nascere però alcune perplessità: sembrerebbe infatti impossibile che l’esistenza del mondo microscopico debba dipendere da eventi termodinamici irreversibili, ovvero eventi “macroscopici”. Non dovrebbe essere il contrario? Cioè che il macroscopico dipenda dal microscopico? Per questo ed altri motivi, molti fisici tra cui in primis Wigner (ne abbiamo parlato illustrando …

Asteroide
Scienza
Due anni di oscurità: così l’asteroide ha sterminato i dinosauri

Prima l’impatto del gigantesco asteroide, poi i terremoti e gli tsunami. Il cielo si riempie di fuliggine e la Terra sprofonda nell’oscurità per due anni: ecco come i dinosauri si sono estinti 66 milioni di anni fa dalla faccia del pianeta. SCOPERTE – Circa 66 milioni di anni fa un asteroide largo dieci chilometri si è schiantato sulla Terra, nella regione oggi conosciuta come penisola dello Yucatan. L’impatto del gigantesco asteroide ha causato terremoti, tsunami ed eruzioni vulcaniche, ma soprattutto ha sollevato una coltre di fuliggine nell’atmosfera. I cieli si sono ricoperti di un manto nero e per due lunghi anni il pianeta è stato avvolto dall’oscurità. Le piante hanno smesso di eseguire la fotosintesi, il clima è cambiato e per i dinosauri sopravvissuti agli incendi e all’impatto non c’è stato scampo: tre quarti delle specie viventi sono scomparse durante l’estinzione del Cretaceo-Paleocene. Questo è lo scenario che spiega come è avvenuta l’estinzione dei dinosauri nello studio pubblicato sulla rivista Proceedings of the National Academy of Sciences e condotto da Charles Bardeen, scienziato del National Center for Atmospheric Research (NCAR), in collaborazione con i ricercatori della NASA e della University of Colorado a Boulder. I ricercatori hanno stimato la quantità di fuliggine prodotta dagli incendi causati dall’impatto dell’asteroide e sono stati …

ScienzaI libri del blogPassione scritturaCollabora con noi