Esperimento LUX: della materia oscura nemmeno l’ombra

esperimento LUX 300x173 - Esperimento LUX: della materia oscura nemmeno l'ombra
L’esperimento LUX (in foto: la camera a proiezione temporale). Crediti: Gigaparsec/Wikimedia Commons

Parliamo dell’esperimento LUX, uno degli esperimenti tesi ad osservare particelle di materia oscura e basato su strumenti tra i più sensibili al mondo in questo campo di ricerca: purtroppo anche questa volta nulla di fatto, il risultato è negativo. A conferma dell’esito di un esperimento analogo condotto pochi mesi fa dalla collaborazione PandaX-II a Sichuan, in Cina, i cui risultati sono stati pubblicati nel settembre 2016.
Ora i dubbi sulla validità del modello teorico attualmente più accreditato per spiegare la composizione della materia oscura si fanno atroci.

A seguire il link ad un articolo pubblicato su Physical Review Letters che ne discute abbondantemente.

Ma in cosa ha consistito l’esperimento?

Il cuore della prova che si è svolta in South Dakota è una grande vasca (detta “camera a proiezione temporale”) contenente xenon liquido ultrapuro.

L’interazione tra una particella di materia oscura o ordinaria con gli atomi di xenon può generare fotoni (i quanti di luce). Essi, raccolti da appositi rivelatori disposti alle estremità della camera, a seconda delle “firme” lasciate (il percorso dei fotoni è diverso a seconda che lo xenon interagisca con particelle di materia oscura o di materia ordinaria), danno modo ai ricercatori di riconoscere l’eventuale passaggio di materia oscura.

Cosa che però non è accaduta in questo caso.

Ovviamente la scelta  dello xenon non è casuale poiché si tratta di un gas nobile che interagisce poco con la materia ordinaria.

Dato il fallimento dell’esperimento in questione ora non ci resterà che attendere il risultato dei un’altra prova dello stesso tipo (tra cui XENON1T, in corso ai Laboratori del Gran Sasso). Oppure attendere la costruzione del LUX-ZEPLIN, erede di LUX, che avrà una sensibilità 70 volte maggiore del suo predecessore.

Albert Einstein And Niels Bohr
Scienza
La teoria della misurazione di Bohr

Spesso viene da chiedersi: “Cosa realizza la realtà?” Tratto da: Fisica quantistica per curiosi Esistono diverse risposte alla domanda “Cosa realizza la realtà?” e la prima risposta è contenuta nella teoria della misurazione di Bohr (scuola di Copenhagen), riportata nel testo dello studioso “Atomic theory in the description of nature” (Cambridge, 1934). Ed in essa si afferma che la riduzione della funzione d’onda avvenga a livello dello strumento di misura. Quest’ultima è l’interpretazione della meccanica quantistica maggiormente condivisa fra gli studiosi (nessuna speranza quindi che la coscienza dell’osservatore entri in ballo nel processo di realizzazione della realtà). Bohr volle subito eliminare la figura di un osservatore cosciente, e pensò immediatamente come sostituirlo con diversi artifizi. In pochi anni fu quindi messa a punto la versione definitiva della “interpretazione di Copenaghen”, la quale sostituì ad esso una “reazione termodinamica irreversibile”, affinché quindi lo stato non oggettivo potesse diventare uno stato oggettivo. La cosa fa nascere però alcune perplessità: sembrerebbe infatti impossibile che l’esistenza del mondo microscopico debba dipendere da eventi termodinamici irreversibili, ovvero eventi “macroscopici”. Non dovrebbe essere il contrario? Cioè che il macroscopico dipenda dal microscopico? Per questo ed altri motivi, molti fisici tra cui in primis Wigner (ne abbiamo parlato illustrando …

Asteroide
Scienza
Due anni di oscurità: così l’asteroide ha sterminato i dinosauri

Prima l’impatto del gigantesco asteroide, poi i terremoti e gli tsunami. Il cielo si riempie di fuliggine e la Terra sprofonda nell’oscurità per due anni: ecco come i dinosauri si sono estinti 66 milioni di anni fa dalla faccia del pianeta. SCOPERTE – Circa 66 milioni di anni fa un asteroide largo dieci chilometri si è schiantato sulla Terra, nella regione oggi conosciuta come penisola dello Yucatan. L’impatto del gigantesco asteroide ha causato terremoti, tsunami ed eruzioni vulcaniche, ma soprattutto ha sollevato una coltre di fuliggine nell’atmosfera. I cieli si sono ricoperti di un manto nero e per due lunghi anni il pianeta è stato avvolto dall’oscurità. Le piante hanno smesso di eseguire la fotosintesi, il clima è cambiato e per i dinosauri sopravvissuti agli incendi e all’impatto non c’è stato scampo: tre quarti delle specie viventi sono scomparse durante l’estinzione del Cretaceo-Paleocene. Questo è lo scenario che spiega come è avvenuta l’estinzione dei dinosauri nello studio pubblicato sulla rivista Proceedings of the National Academy of Sciences e condotto da Charles Bardeen, scienziato del National Center for Atmospheric Research (NCAR), in collaborazione con i ricercatori della NASA e della University of Colorado a Boulder. I ricercatori hanno stimato la quantità di fuliggine prodotta dagli incendi causati dall’impatto dell’asteroide e sono stati …

ScienzaI libri del blogPassione scritturaCollabora con noi