E se l’universo fosse sempre esistito?

bigbang 300x195 - E se l'universo fosse sempre esistito?E se il Big Bang non fosse mai esistito? Una teoria, basata su un’equazione quantistica, propone un modello che lo nega. L’universo sarebbe infatti un fluido di gravitoni senza inizio né fine.

Non tutti sanno infatti che uno studio pubblicato nel Febbraio del 2015 su Physics Letters B, avanza un’ipotesi abbastanza bizzarra: la nuova ricerca applica una “correzione quantistica” per integrare la teoria della relatività generale di Einstein, definendo di fatto un nuovo modello cosmologico.

La cosa molto interessante è che questo nuovo studio eliminerebbe il problema derivante dalla singolarità che emerge dal modello cosmologico più diffuso, il quale riesce a spiegare cosa sia successo dopo il Big Bang, ma non nel momento esatto.

Di fatto eliminerebbe il conflitto costante presente nel momento in cui la fisica classica tenta di conciliarsi con quella quantistica.

«La singolarità è il problema più serio della relatività generale, perché lì le leggi della fisica perdono di significato», spiega Ahmed Farag Ali , uno dei due autori della ricerca (l’altro è Saurya Das).

Secondo i due fisici, la singolarità può essere “risolta” dal loro modello, “semplicemente” con il fatto che il Big Bang non esiste, l’universo non ha inizio e, conseguentemente, non avrà fine. L’Universo sarebbe costituito da una sorta di “fluido quantistico”, composto da gravitoni (le ipotetiche particelle elementari prive di massa che hanno la funzione di trasmettere la forza di gravità e sono oggetto di ricerca di molti esperimenti odierni).

Ciò che ha di buono lo studio è che i risultati derivanti dalle prove sperimentali sono in accordo con alcuni parametri fisici effettivamente misurati (per esempio la densità attuale dell’Universo), ciò che però la ricerca non riesce ancora a spiegare e come mai l’universo si stia espandendo e come possa esistere ciò che gli scienziati definiscono “radiazione cosmica di fondo”.

Alcune fonti:
Ahmed Farag Ali and Saurya Das, “Cosmology from quantum potential”, Physics Letters B. Volume 741, 4 February 2015, Pages 276–279. DOI: 10.1016/j.physletb.2014.12.057. Anche su: arXiv:1404.3093[gr-qc].

Albert Einstein And Niels Bohr
Scienza
La teoria della misurazione di Bohr

Spesso viene da chiedersi: “Cosa realizza la realtà?” Tratto da: Fisica quantistica per curiosi Esistono diverse risposte alla domanda “Cosa realizza la realtà?” e la prima risposta è contenuta nella teoria della misurazione di Bohr (scuola di Copenhagen), riportata nel testo dello studioso “Atomic theory in the description of nature” (Cambridge, 1934). Ed in essa si afferma che la riduzione della funzione d’onda avvenga a livello dello strumento di misura. Quest’ultima è l’interpretazione della meccanica quantistica maggiormente condivisa fra gli studiosi (nessuna speranza quindi che la coscienza dell’osservatore entri in ballo nel processo di realizzazione della realtà). Bohr volle subito eliminare la figura di un osservatore cosciente, e pensò immediatamente come sostituirlo con diversi artifizi. In pochi anni fu quindi messa a punto la versione definitiva della “interpretazione di Copenaghen”, la quale sostituì ad esso una “reazione termodinamica irreversibile”, affinché quindi lo stato non oggettivo potesse diventare uno stato oggettivo. La cosa fa nascere però alcune perplessità: sembrerebbe infatti impossibile che l’esistenza del mondo microscopico debba dipendere da eventi termodinamici irreversibili, ovvero eventi “macroscopici”. Non dovrebbe essere il contrario? Cioè che il macroscopico dipenda dal microscopico? Per questo ed altri motivi, molti fisici tra cui in primis Wigner (ne abbiamo parlato illustrando …

Asteroide
Scienza
Due anni di oscurità: così l’asteroide ha sterminato i dinosauri

Prima l’impatto del gigantesco asteroide, poi i terremoti e gli tsunami. Il cielo si riempie di fuliggine e la Terra sprofonda nell’oscurità per due anni: ecco come i dinosauri si sono estinti 66 milioni di anni fa dalla faccia del pianeta. SCOPERTE – Circa 66 milioni di anni fa un asteroide largo dieci chilometri si è schiantato sulla Terra, nella regione oggi conosciuta come penisola dello Yucatan. L’impatto del gigantesco asteroide ha causato terremoti, tsunami ed eruzioni vulcaniche, ma soprattutto ha sollevato una coltre di fuliggine nell’atmosfera. I cieli si sono ricoperti di un manto nero e per due lunghi anni il pianeta è stato avvolto dall’oscurità. Le piante hanno smesso di eseguire la fotosintesi, il clima è cambiato e per i dinosauri sopravvissuti agli incendi e all’impatto non c’è stato scampo: tre quarti delle specie viventi sono scomparse durante l’estinzione del Cretaceo-Paleocene. Questo è lo scenario che spiega come è avvenuta l’estinzione dei dinosauri nello studio pubblicato sulla rivista Proceedings of the National Academy of Sciences e condotto da Charles Bardeen, scienziato del National Center for Atmospheric Research (NCAR), in collaborazione con i ricercatori della NASA e della University of Colorado a Boulder. I ricercatori hanno stimato la quantità di fuliggine prodotta dagli incendi causati dall’impatto dell’asteroide e sono stati …

ScienzaI libri del blogPassione scritturaCollabora con noi