Il destino dell’universo

universe 11636 640 300x195 - Il destino dell'universoConcordiamo sul fatto che quasi tutti gli scienziati siano d’accordo sulla questione che l’universo abbia avuto origine dal big bang. Ma riguardo al suo futuro (ed alla sua fine), esistono altrettante certezze?

Riguardo questa spinosa questione, c’è da considerare che le galassie e gli ammassi stellari sono soggetti a due forze che praticamente si fronteggiano da quando l’universo è nato. La forza di attrazione gravitazionale, che tenderebbe a far collassare l’universo su se stesso, e la spinta di espansione del Big Bang, che esercita una funzione praticamente contraria.

Un po’ come le principali due forze antagoniste presenti nei gatti: la pigrizia, che impedirebbe loro di procacciarsi da mangiare, e la loro bramosia di cibo che alla fine li fa sprona comunque a farlo.

L’equilibrio tra le due forze consente al gatto di non esplodere, satollo, come una supernova.

Il punto ora è capire: quale delle due vincerà?

Essenzialmente sembra che la risposta sia complessa, in quanto c’è da considerare quanta massa esattamente l’universo contenga.

Considerando quella del mio gatto, la forza gravitazionale sembrerebbe dover vincere a tavolino, ma vedremo più avanti come il quesito possa prestarsi a responsi davvero non banali.

Gli astronomi a riguardo si sono organizzati ed hanno definito una densità critica, e quindi una massa critica, con la quale le due forze si bilancerebbero esattamente.

Viene semplice considerare il fatto che qualora la massa dell’universo sia superiore alla massa critica, la forza gravitazionale avrà la meglio. In tal caso l’espansione rallenterà fino a fermarsi e l’universo comincerà a contrarsi sotto l’azione della  propria forza di gravitazione. Ciò provocherà il contrarsi delle galassie e loro relativa fusione fino ad ammassarsi in un unico punto, una nuova singolarità.

Se invece la massa reale fosse minore di quella critica, vincerà la spinta di espansione e l’universo continuerà ad espandersi per sempre. In tal caso la situazione risultante sarebbe davvero diversa, in quanto le galassie continuerebbero ad allontanarsi tra loro, l’universo diventerebbe sempre più freddo, buio e vuoto, morendo lentamente (espandensosi all’infinito).

Questo scenario viene chiamato universo aperto.

Riguardo il destino ultimo dell’universo, comunque, le congetture sono tutto sommato numerose.

Ha quindi senso secondo me illustrare almeno le più famose (relative essenzialmente ad un universo con esistenza apparentemente finita), sottolineando comunque il fatto che ognuna di essa al momento è da considerarsi da prendere, diciamo così, con le pinze.

Il primo scenario, quello del Big Freeze, è una situazione in cui a causa di una continua espansione, avremmo a che fare con un universo davvero troppo freddo affinchè la vita possa continuare. Questa è la teoria sostenuta dalla maggior parte dei fisici e dai cosmologi, in quanto sarebbe coerente con quanto riguarda l’universo osservabile.

Allarga, allarga, ognuno andrà in maniera indifferente per la sua strada. E chi si è visto si è visto.

La fine però potrebbe avvenire magari con un “Big Rip” (un nome che è tutto un programma), un Grande Strappo, il quale sarebbe in grado di distruggere l’intera struttura fisica dell’universo (spero avrete notato che questo è il  capitolo più festoso del libro).

Tale strappo potrebbe derivare da un’espansione costantemente accelerata, in grado di fare letteralmente a pezzi ogni oggetto fisico dell’Universo, a partire dalle galassie, per finire con gli esseri umani, i gatti, i batteri e i granelli di sabbia della lettiera dei suddetti felini.

Si avrebbe una situazione in cui le particelle elementari risulterebbero non più legate tra loro.

Una sorta di versione accelerata del Big Freeze.

Ultima, ma non ultima, la teoria del Big Crunch; una visione un po’ più articolata e ciclica della vita dell’Universo.

In pratica, in tale caso, si ipotizza che a seguito del termine massimo di espansione, si possa avere una contrazione cosmica in grado di far di nuovo collassare l’universo in una nuova singolarità gravitazionale.

Questo scenario non elimina la teoria che il Big Bang fosse preceduto da un Big Crunch di un universo precedente. E’ una teoria per la quale si avrebbero in pratica singolarità ricorrenti.

Tratto da: “Il mio gatto odia Schrödinger

citazione feynman 1 260x160 - Richard Feynman riguardo la fisica quantistica
Citazioni
Richard Feynman riguardo la fisica quantistica

Richard Feynman (IPA: [ˈfaɪnmən]) (New York, 11 maggio 1918 – Los Angeles, 15 febbraio 1988) è stato un fisico e divulgatore scientifico statunitense, Premio Nobel per la fisica nel 1965 per l’elaborazione dell’elettrodinamica quantistica.

eccitonio 260x160 - Un nuovo stato della materia: l’eccitonio
Scienza
Un nuovo stato della materia: l’eccitonio

L’esistenza dell’eccitonio era stata teorizzata cinquant’anni fa, ma fino ad oggi la dimostrazione della sua esistenza continuava a sfuggire agli scienziati RICERCA – Lo stavano cercando da cinquant’anni e alla fine lo hanno osservato per caso. Stiamo parlando dell’eccitonio, una forma di materia la cui esistenza era stata teorizzata da tempo, ma che non era mai stata osservata. La scoperta è stata pubblicata sulla rivista Science. Ad incappare nell’eccitonio è stato un team internazionale di ricercatori guidato da Peter Abbamonte, professore di fisica alla Illinois University, mentre spetta a Jasper van Wezel, professore di fisica della University of Amsterdam l’interpretazione teorica dell’esperimento che ha fornito la conferma della scoperta. “Ricordo che Anshul era molto eccitato dal risultato delle nostre prime misure sul TiSe2. Eravamo nel laboratorio in piedi vicino la lavagna quando mi ha spiegato che avevamo osservato per la prima volta qualcosa che nessuno aveva mai visto prima: un plasmone morbido”. Così Mindy Rak, dottoranda nel team di Abbamonte assiema al collega Kogar Anshul, richiama il momento in cui ha realizzato cosa era emerso dai dati. Il plasmone morbido di cui parla è proprio la prova dell’esistenza dell’eccitonio ed è stato osservato in cristalli di titanio diselenio (TiSe2), un materiale semiconduttore molto studiato …

bolla sistema solare 260x160 - La bolla gigante in cui siamo nati
Scienza
La bolla gigante in cui siamo nati

All’alba di un nuovo anno che inizia novità sull’inizio del Sistema Solare. Gli scienziati dell’Università di Chicago hanno elaborato una nuova teoria esauriente e che racconta la nostra storia, a partire da una bolla gigante in cui spirano potenti venti stellari. SCOPERTE – Immaginate una bolla densa di materia, racchiusa in un involucro e in cui spirano all’interno potenti venti stellari. L’incubatrice in cui sono nati il pianeta Terra e l’intero sistema solare avrebbe avuto proprio questo aspetto miliardi di anni fa. A elaborare una nuova ed esauriente teoria sulla nostra origine nell’universo sono stati i ricercatori dell’Università di Chicago, che si sono concentrati sull’intricato mistero delle diverse abbondanze degli isotopi dell’alluminio e del ferro presenti nel sistema solare. A creare la bolla che ci ha ospitato non sarebbe stata dunque una “semplice” esplosione di supernova, ma bensì una gigante stella di Wolf-Rayett, con una massa tra le 40 e le 50 volte pari a quella del nostro Sole, che era morta da tempo. I ricercatori guidati da Vikram Dwarkadas e Nicolas Dauphas hanno pubblicato il risultato ottenuto sulla rivista The Astrophysical Journal, dove spiegano la loro nuova teoria. Fino ad oggi infatti si riteneva che il sistema solare si fosse formato …

ScienzaI libri del blogPassione scritturaCollabora con noi