Cos’è e come funziona un acceleratore di particelle

particle accelerator 1903642 640 300x225 - Cos'è e come funziona un acceleratore di particellePrima di illustrarvi in cosa realmente consista un acceleratore di particelle vorrei parlarvi della famosa equazione E=mc^2.

Scommetto l’avrete intravista su molte magliette.

Einstein ci ha insegnato che qualsiasi particella avente una benché minima massa viaggerà sempre e comunque più lentamente della velocità della luce; è un dato di fatto che solo il fotone riesca a raggiungere tale velocità solo perché la sua massa è zero.

Il perché è presto detto: conseguenza della equazione iniziale, se un minuscolo elettrone raggiungesse la velocità della luce arriverebbe ad avere una massa infinita, quindi più di quella dell’intero universo!

Ciò tra l’altro ci permette di riflettere riguardo al fatto che secondo le leggi della fisica conosciuta, è praticamente impossibile lanciare una astronave, la cui massa non sarebbe ovviamente nulla, in viaggi interstellari a tale velocità limite.

Ma tornando agli acceleratori di particelle: cosa sono e cosa li lega alle considerazioni di Einstein?

Gli acceleratori di particelle sono laboratori costruiti essenzialmente per studiare le particelle, costituiti da grandi tunnel sotterranei a forma di anello, all’interno dei quali le particelle vengono accelerate tramite campi magnetici, a velocità che potremmo definire davvero vertiginose.

In tali tunnel si fanno esperimenti su particelle talmente piccole da non poter essere osservate, a meno che la loro velocità non venga incrementata tanto da palesarne la massa e permetterne, seppur indirettamente, l’osservazione.

Quando infatti la massa di tali corpuscoli è diventata sufficientemente grande, essi vengono dirottati, tramite campi elettromagnetici, in una camera definita “camera a bolle”. In tale camera potranno poi essere fotografati in impatti frontali a folli velocità.

In realtà ciò che verranno impresse sulle lastre sono le scie che dopo gli impatti tale particelle lasceranno.

Interpretando tali tracciati sarà possibile quindi ricavarne le dimensioni, la velocità, la carica elettrica e così via.

 

gatto buco nero 260x160 - Cos'è un buco nero
Scienza
Cos’è un buco nero

Un buco nero, uno degli oggetti più strani ed affascinanti del cosmo dopo il mio gatto, può aver luogo a seguito dell’esplosione di una stella molto massiccia, grande più di sei/sette volte il Sole. Esso viene a crearsi nel momento in cui il nucleo della stella crolla sotto il proprio peso e non riesce a controbilanciarsi nemmeno comprimendosi al massimo. Situazione che molti gatti obesi, devo ammettere, malauguratamente condividono. Niente può fermare la caduta della materia verso il centro della stella. L’intera massa del nucleo, tenderà a concentrarsi improrogabilmente in un unico punto. Vi spiego perché. Il meccanismo che consente ad una stella di “brillare” durante la fase principale della sua vita è essenzialmente semplice. Quanto meno nei suoi concetti di base. La stella si sostenta ed emette energia attraverso la fusione nucleare nella sua regione centrale (in cui molti atomi di idrogeno vengono fusi a quattro a quattro, producendo nuclei di elio ed energia). L’energia prodotta in questo caldissimo nucleo è impiegata per sostenere il peso degli strati di gas che circondano il nucleo stesso, ed è emessa all’esterno sotto forma di radiazione. Vengono quindi a realizzarsi praticamente due tipi di equilibri: uno idrostatico ed uno inerente il bilancio …

mela 260x160 - Newton e la mela
Scienza
Newton e la mela

Chiunque, anche il meno attento di voi, si ricorderà del famoso aneddoto di “Newton e la mela”. È una storiella che viene spesso raccontata e con tutta probabilità ha la sua buona dose di verità. Si racconta che, tanto tempo fa, l’ottimo scienziato, fosse intento come suo solito a studiare i movimenti dei pianeti e delle forze che praticamente sembravano mantenerli in orbita, quando d’improvviso accadde il fatto: ecco venire giù una mela. Una consuetudine di poca importanza per praticamente tutti noi. Ecco cadere a terra un pomo, pochi secondi prima, ancora appeso ad un albero poco distante. Il genio a quel punto si domandò: “possibile che la forza che attrae la mela verso la Terra sia dello stesso tipo di quella che mantiene la luna in orbita?”. Ecco, adesso che ci ragiono, noi ci saremmo detti tutt’altro certamente. Che so, qualcosa del tipo: “meglio darle una sciacquata prima che marcisca” o ancora, molto più probabilmente, “adesso mia moglie mi obbligherà a raccogliere tutte le mele da quel dannato albero prima che vadano a male.”. E invece lui no. Ed è lì che nasce il genio. Il genio nasce dalla curiosità, dalla passione. Dal saper osservare il mondo con la …

ScienzaI libri del blogPassione scritturaCollabora con noi