Cosa è un cunicolo spazio-temporale o wormhole?

wormhole 739872 640 300x169 - Cosa è un cunicolo spazio-temporale o wormhole?Un ponte di Einstein-Rosen o cunicolo spazio-temporale, detto anche wormhole (in italiano letteralmente “buco di verme”, maltradotto in modo poco attinente col termine galleria di tarlo o cunicolo di tarlo), è una ipotetica scorciatoia che collega regioni lontane dell’universo.

Definiti dal famoso fisico britannico Stephen Hawking (autore del libro Dal Big Bang ai buchi neri) come delle vere e proprie macchine del tempo cosmiche, i cunicoli possono anche collegare universi paralleli o neonati e si pensa quindi che possano rappresentare uno dei principali mezzi per viaggiare nel tempo (c’è da segnalare comunque come molti altri scienziati continuino a ritenere queste speculazioni come assurde).

Essenzialmente la loro esistenza è prevista in due differenti macrotipologie:

  • I cunicoli spazio-temporali intra-universo, i quali connettono una posizione con un’altra dello stesso universo in un tempo differente.Questi tipi di cunicoli, una sorta di tunnel gravitazionali, dovrebbero poter connettere punti distanti nell’universo a causa delle deformazioni spaziotemporali, permettendo di viaggiare tra gli estremi in tempi estremamente ridotti rispetto a percorrere lo stesso viaggio nello spazio consueto.
  • I cunicoli spazio-temporali inter-universo, i quali collegano un universo ad un altro differente e sono definiti wormhole di Schwarzschild.Una sorta di tunnel spazio-temporali da utilizzare per viaggiare da un universo ad un altro parallelo o per intraprendere un viaggio nel tempo (in questo caso il wormhole rappresenterebbe una scorciatoria per spostarsi da un punto spaziotemporale a un altro differente).

Ma che ragionamento c’è alla base dei viaggi nel tempo fondati sui cunicoli spazio-temporali?

Ecco, ricordiamo innanzitutto che secondo la teoria della relatività generale di Einstein, più un oggetto si sposta velocemente, più vedrà il tempo scorrere lentamente. Se l’entrata di un wormhole (“buco nero”) resta immobile e la sua uscita (“fontana bianca”) si muove al 99.99% della velocità della luce, dopo 48 ore dall’entrata, saranno trascorsi soltanto 28 minuti all’uscita: ciò vuol dire che per l’osservatore saranno trascorsi 28 minuti, ma l’universo circostante si sarà evoluto di 48 ore.

Va da sé che se fosse quindi possibile variare la velocità di spostamento del suo punto d’uscita, si avrebbe la possibilità di viaggiare nel futuro. Di più: se la fontana bianca si spostasse idealmente a velocità superiori a quella della luce, ci sarebbe la possibilità concreta di raggiungere punti dell’universo toccati da essa tempo prima; il che si tradurrebbe perciò in un viaggio nel passato (con tutti i paradossi del caso).

gatto buco nero 260x160 - Cos'è un buco nero
Scienza
Cos’è un buco nero

Un buco nero, uno degli oggetti più strani ed affascinanti del cosmo dopo il mio gatto, può aver luogo a seguito dell’esplosione di una stella molto massiccia, grande più di sei/sette volte il Sole. Esso viene a crearsi nel momento in cui il nucleo della stella crolla sotto il proprio peso e non riesce a controbilanciarsi nemmeno comprimendosi al massimo. Situazione che molti gatti obesi, devo ammettere, malauguratamente condividono. Niente può fermare la caduta della materia verso il centro della stella. L’intera massa del nucleo, tenderà a concentrarsi improrogabilmente in un unico punto. Vi spiego perché. Il meccanismo che consente ad una stella di “brillare” durante la fase principale della sua vita è essenzialmente semplice. Quanto meno nei suoi concetti di base. La stella si sostenta ed emette energia attraverso la fusione nucleare nella sua regione centrale (in cui molti atomi di idrogeno vengono fusi a quattro a quattro, producendo nuclei di elio ed energia). L’energia prodotta in questo caldissimo nucleo è impiegata per sostenere il peso degli strati di gas che circondano il nucleo stesso, ed è emessa all’esterno sotto forma di radiazione. Vengono quindi a realizzarsi praticamente due tipi di equilibri: uno idrostatico ed uno inerente il bilancio …

mela 260x160 - Newton e la mela
Scienza
Newton e la mela

Chiunque, anche il meno attento di voi, si ricorderà del famoso aneddoto di “Newton e la mela”. È una storiella che viene spesso raccontata e con tutta probabilità ha la sua buona dose di verità. Si racconta che, tanto tempo fa, l’ottimo scienziato, fosse intento come suo solito a studiare i movimenti dei pianeti e delle forze che praticamente sembravano mantenerli in orbita, quando d’improvviso accadde il fatto: ecco venire giù una mela. Una consuetudine di poca importanza per praticamente tutti noi. Ecco cadere a terra un pomo, pochi secondi prima, ancora appeso ad un albero poco distante. Il genio a quel punto si domandò: “possibile che la forza che attrae la mela verso la Terra sia dello stesso tipo di quella che mantiene la luna in orbita?”. Ecco, adesso che ci ragiono, noi ci saremmo detti tutt’altro certamente. Che so, qualcosa del tipo: “meglio darle una sciacquata prima che marcisca” o ancora, molto più probabilmente, “adesso mia moglie mi obbligherà a raccogliere tutte le mele da quel dannato albero prima che vadano a male.”. E invece lui no. Ed è lì che nasce il genio. Il genio nasce dalla curiosità, dalla passione. Dal saper osservare il mondo con la …

ScienzaI libri del blogPassione scritturaCollabora con noi