Il contrasto secolare tra Relatività e Meccanica Quantistica

time 1739625 640 300x200 - Il contrasto secolare tra Relatività e Meccanica QuantisticaDa cosa ha avuto origine tutto?

Questo è certamente uno dei quesiti cardine dell’esistenza umana.

Ecco, alcune soluzioni particolari della Relatività Generale prevedono che il tempo avesse avuto un inizio ed una fine.

In pratica, immaginando di tornare indietro nel tempo, l’idea è che vi sareste potuti trovare in una situazione in cui, tutto lo spazio, quindi tutta la materia, convergesse in un unico punto a densità infinita.

Un punto piccolissimo, ma dalla gravità spaventosamente grande.

Il nostro universo, per definizione, contiene tutto quello che è stato prodotto al momento del Big Bang, e non esiste nulla “al di fuori”, perché il concetto di “fuori” implicherebbe una nuova direzione (e quindi altre dimensioni) al di fuori dello spazio tempo descritto dalla Relatività Generale di Einstein.

Anche secondo Roger Penrose e Stephen Hawking lo spazio ed il tempo hanno avuto origine dal famoso “gigantesco BANG”.

Una botta non da poco.

Essi però sono concordi nell’affermare, che le intuizioni di Einstein cessano di essere valide in prossimità della singolarità iniziale.

La teoria di Einstein è fallace praticamente su scale piccolissime, dell’ordine della lunghezza di Planck, quando il raggio dell’Universo aveva le dimensioni di un milionesimo di miliardesimo di miliardesimo di miliardesimo di centimetro.

I due fisici sono concordi sul fatto che è dovuto esistere un momento in cui addirittura i raggi luminosi provenienti dalle stelle e dalla galassie, dovettero risultare piegati al fine di convergere in quel fatidico istante iniziale, in cui si pensa abbia avuto inizio nientedimeno che l’intero Universo.

Il concetto di gravità infinita porta a queste ed a ben altre considerazioni, c’è da saperlo.

La cosa strana sapete qual’è? E’ che se ci adoperiamo ad usare queste intuizioni, a ben vedere la forma dello spazio-tempo è praticamente quella di una pera.

pera 175x300 - Il contrasto secolare tra Relatività e Meccanica QuantisticaConcetti d’importanza cruciale riassunti da un frutto molto gradito ai bimbi.

Ma perché la teoria di Einstein viene invalidata su scale piccolissime?

Ecco, tenete presente che la Relatività Generale prima di tutto non contempla il principio di indeterminazione di Heisenberg, che rappresenta il cuore stesso della Meccanica Quantistica.

Ripetiamo il  concetto qui: se ad esempio potessimo determinare con precisione assoluta la posizione di una particella, ci troveremmo ad avere massima incertezza sulla sua velocità. Utilizzando un microscopio sempre più potente, si potrebbe pensare di individuarne l’ubicazione con sempre maggiore precisione; tuttavia, così facendo, noi dovremmo illuminare la particella con un fascio di luce (fotoni, i quali sono comunque particelle elementari), e così facendo, dato che la luce porta energia ed impulso, la nostra particella riceverebbe una piccola spinta che cambierebbe il suo stato di moto.

Il principio di indeterminazione, da un punto di vista concettuale, implica che l’osservatore, cioè lo scienziato che fa la misura, non potrà mai essere considerato un semplice spettatore, ma che il suo intervento nel misurare le cose, produrrà degli effetti non calcolabili: una indeterminazione che non potrà essere eliminata.

Ritornando ad Einstein, se guardassimo con una lente di ingrandimento dannatamente potente una piccola parte del tessuto spazio-temporale, ci accorgeremmo che in realtà lo spazio-tempo non è affatto liscio e piano; quanto piuttosto irregolare e spigoloso, pieno di deformazioni. Deformazioni derivanti dalle cosiddette “fluttuazioni quantistiche”, dovute alla creazione spontanea di coppie particella/antiparticella.

Botta e risposta.

La Teoria quantistica dei campi afferma che il vuoto non è così vuoto: ci sono in realtà delle fluttuazioni del campo di vuoto che producono effetti macroscopici misurabili.

Tornando al punto, la Relatività Generale applicata nell’istante “iniziale”, quindi, produrrebbe valori infiniti per parametri fisici quali densità e temperatura (la densità della materia raggiungerebbe valori così elevati da provocare un collasso gravitazionale dello stesso spaziotempo).

D’altro canto, le fluttuazioni quantistiche, avrebbero dovuto far collassare l’intero universo se si considera la famosa equazione E=mc2 (formula molto di moda sulle magliette). Tali fluttuazioni, infatti, andrebbero per forza di cose considerate come sorgenti di energia infinita e quindi come centri di gravità infinita.

Da qui nasce un contrasto secolare, per così dire, tra la teoria della Relatività Generale e la Meccanica Quantistica. Proprio perché manca una teoria completa che possa descrivere in modo unificato i fenomeni fisici contemporaneamente del mondo macroscopico e del mondo microscopico.

Parzialmente tratto da: “Il mio gatto odia Schrödinger“.

citazione feynman 1 260x160 - Richard Feynman riguardo la fisica quantistica
Citazioni
Richard Feynman riguardo la fisica quantistica

Richard Feynman (IPA: [ˈfaɪnmən]) (New York, 11 maggio 1918 – Los Angeles, 15 febbraio 1988) è stato un fisico e divulgatore scientifico statunitense, Premio Nobel per la fisica nel 1965 per l’elaborazione dell’elettrodinamica quantistica.

eccitonio 260x160 - Un nuovo stato della materia: l’eccitonio
Scienza
Un nuovo stato della materia: l’eccitonio

L’esistenza dell’eccitonio era stata teorizzata cinquant’anni fa, ma fino ad oggi la dimostrazione della sua esistenza continuava a sfuggire agli scienziati RICERCA – Lo stavano cercando da cinquant’anni e alla fine lo hanno osservato per caso. Stiamo parlando dell’eccitonio, una forma di materia la cui esistenza era stata teorizzata da tempo, ma che non era mai stata osservata. La scoperta è stata pubblicata sulla rivista Science. Ad incappare nell’eccitonio è stato un team internazionale di ricercatori guidato da Peter Abbamonte, professore di fisica alla Illinois University, mentre spetta a Jasper van Wezel, professore di fisica della University of Amsterdam l’interpretazione teorica dell’esperimento che ha fornito la conferma della scoperta. “Ricordo che Anshul era molto eccitato dal risultato delle nostre prime misure sul TiSe2. Eravamo nel laboratorio in piedi vicino la lavagna quando mi ha spiegato che avevamo osservato per la prima volta qualcosa che nessuno aveva mai visto prima: un plasmone morbido”. Così Mindy Rak, dottoranda nel team di Abbamonte assiema al collega Kogar Anshul, richiama il momento in cui ha realizzato cosa era emerso dai dati. Il plasmone morbido di cui parla è proprio la prova dell’esistenza dell’eccitonio ed è stato osservato in cristalli di titanio diselenio (TiSe2), un materiale semiconduttore molto studiato …

bolla sistema solare 260x160 - La bolla gigante in cui siamo nati
Scienza
La bolla gigante in cui siamo nati

All’alba di un nuovo anno che inizia novità sull’inizio del Sistema Solare. Gli scienziati dell’Università di Chicago hanno elaborato una nuova teoria esauriente e che racconta la nostra storia, a partire da una bolla gigante in cui spirano potenti venti stellari. SCOPERTE – Immaginate una bolla densa di materia, racchiusa in un involucro e in cui spirano all’interno potenti venti stellari. L’incubatrice in cui sono nati il pianeta Terra e l’intero sistema solare avrebbe avuto proprio questo aspetto miliardi di anni fa. A elaborare una nuova ed esauriente teoria sulla nostra origine nell’universo sono stati i ricercatori dell’Università di Chicago, che si sono concentrati sull’intricato mistero delle diverse abbondanze degli isotopi dell’alluminio e del ferro presenti nel sistema solare. A creare la bolla che ci ha ospitato non sarebbe stata dunque una “semplice” esplosione di supernova, ma bensì una gigante stella di Wolf-Rayett, con una massa tra le 40 e le 50 volte pari a quella del nostro Sole, che era morta da tempo. I ricercatori guidati da Vikram Dwarkadas e Nicolas Dauphas hanno pubblicato il risultato ottenuto sulla rivista The Astrophysical Journal, dove spiegano la loro nuova teoria. Fino ad oggi infatti si riteneva che il sistema solare si fosse formato …

ScienzaI libri del blogPassione scritturaCollabora con noi