Campo magnetico Luna: quando è “morto”?

Un nuovo studio delle rocce lunari raccolte dalle missioni Apollo della NASA ha permesso di scoprire che il campo magnetico lunare è sopravvissuto molto più a lungo di quanto ipotizzato. Un risultato che apre nuovi interrogativi sull’abitabilità di esopianeti e dei loro satelliti.

roccia-lunare-sonia-tikoo
Sonia Tikoo, ricercatrice del Department of Earth and Planetary Sciences della Rutgers University-New Brunswick, mentre guarda il campione di roccia lunare. Crediti immagine: Nick Romanenko/Rutgers University

SCOPERTE – Quando è “morto” il campo magnetico della Luna? Se finora gli scienziati avrebbero risposto circa 3,56 miliardi di anni fa, la risposta si è rivelata sbagliata. Un nuovo studio sul magnetismo delle rocce lunari raccolte dalle missioni Apollo della NASA e analizzate dai ricercatori guidati da Sonia Tikoo della Rutgers University di New Brunswick hanno scoperto che il magnetismo lunare si è esaurito molto più lentamente di quanto ipotizzato, tra 2,5 e 1 miliardo di anni fa.

Il risultato, pubblicato sulla rivista Science Advances, apre nuovi interrogativi per gli astronomi sull’abitabilità di un pianeta come la Terra e del suo satellite, la Luna. Con l’esaurimento del magnetismo infatti le radiazioni del Sole non vengono più schermate e l’acqua si esaurisce, portando così alla morte del pianeta stesso. Un esempio? La desertificazione di Marte quando, 4 miliardi di anni fa, il suo campo magnetico è scomparso.

A spiegare le implicazioni che il campo magnetico di un corpo celeste gioca nella sua abitabilità è Sonia Tikoo.

I campi magnetici, come quello terrestre, sono considerati scudi che impediscono alle particelle trasportate dai venti solari e alla radiazione ionizzante di arrivare sulla superficie del pianeta, causando l’evaporazione dell’acqua e mutazioni genetiche delle forme di vita presenti, che si ritroverebbero in un ambiente altamente instabile, un mondo davvero difficile in cui sopravvivere.

Nel 2013 Tikoo, quando era ancora una dottoranda al MIT, ha iniziato a studiare le rocce lunari.

Proprio le rocce infatti mantengono una traccia del campo magnetico passato e misurando la loro magnetizzazione è possibile determinare con accuratezza quale fosse l’intensità del campo magnetico lunare. Il recente studio ha concentrato i suoi sforzi su un campione di roccia lunare raccolto il 1° agosto 1971 dagli astronauti David Scott e James Irwin della missione Apollo 15 nel Mare Imbrium, con precisione dal cratere Dune.

I ricercatori hanno prima di tutto misurato l’intensità e la direzione del campo magnetico del campione, utilizzando uno strumento chiamato magnetometro a roccia. Successivamente, il campione è stato posto in una camera ad atmosfera controllata nei laboratori del MIT e riscaldato fino a 780 gradi Celsius, in modo da poter osservare la sua magnetizzazione originale senza rischiare di alterarne le altre caratteristiche con il calore.

Le misurazioni ottenute dalla roccia lunare hanno lasciato Tikoo e colleghi perplessi. In astronomia infatti si ritiene che il campo magnetico lunare avesse raggiunto il suo picco di intensità pari a 50 microtesla, un valore simile a quello del campo magnetico terrestre odierno, circa 3,56 miliardi di anni fa. La roccia che è stata analizzata ha un’età compresa tra 1 miliardo e 2,5 miliardi di anni e presenta un campo magnetico di circa 5 microtesla. Questo implica che la Luna nel corso di miliardi di anni abbia perso il 90 percento del suo campo magnetico e che il suo esaurimento sia avvenuto più lentamente di quanto fino ad oggi ritenuto.

Il campo magnetico del nostro satellite infatti ad oggi può essere considerato “morto”, cioè completamente esaurito, e ora il compito dei ricercatori sarà quello di determinare quando si è verificata la sua cessazione e come si è evoluto nel corso di miliardi di anni. La sopravvivenza del campo magnetico di un corpo celeste dipende d’altronde dal suo nucleo, spiega Tikoo: “Noi riteniamo che corpi planetari piccoli non siano in grado di mantenere per lungo tempo un campo magnetico, perché i loro nuclei sono piccoli e si raffreddano rapidamente, andando incontro a cristallizzazione già nelle prime fasi del loro ciclo vitale. Dato che tasso di cristallizzazione dipende dalla composizione del nucleo, la nostra sfida ora sarà quella di capire la composizione del nucleo lunare: attualmente sappiamo che è composto soprattutto da ferro, ma deve essere andato incontro a mescolamento con altri elementi, come zolfo e carbonio”.

Studiare l’evoluzione del campo magnetico lunare rappresenta una grande sfida, che in futuro potrà guidare gli scienziati verso nuovi importanti risultati ma per ora pone soprattutto nuove domande. Alla morte del campo di un corpo celeste, infatti, le particelle ionizzanti emesse dalla stella più vicina portano il pianeta o il satellite a perdere la sua acqua. Una perdita che si verifica nel corso di centinaia di milioni di anni, ma che pone un grande problema nella definizione di abitabilità.

Dopo la scoperta non basterà che l’esopianeta e le lune che osserviamo si trovino in zone abitabili – quelle regioni a una distanza tale dalla stella del sistema planetario in oggetto da permettere all’acqua di esistere allo stato liquido in superficie – ma sarà necessario anche valutare le sue dimensioni e il suo campo magnetico. E con questi nuovi parametri per la definizione di quando un mondo è abitabile, la caccia agli esopianeti continua con un’arma in più a sua disposizione.

@oscillazioni

Fonte: oggiscienza.it

Pubblicato con licenza Creative Commons Attribuzione-Non opere derivate 2.5 Italia.

Albert Einstein And Niels Bohr
Scienza
La teoria della misurazione di Bohr

Spesso viene da chiedersi: “Cosa realizza la realtà?” Tratto da: Fisica quantistica per curiosi Esistono diverse risposte alla domanda “Cosa realizza la realtà?” e la prima risposta è contenuta nella teoria della misurazione di Bohr (scuola di Copenhagen), riportata nel testo dello studioso “Atomic theory in the description of nature” (Cambridge, 1934). Ed in essa si afferma che la riduzione della funzione d’onda avvenga a livello dello strumento di misura. Quest’ultima è l’interpretazione della meccanica quantistica maggiormente condivisa fra gli studiosi (nessuna speranza quindi che la coscienza dell’osservatore entri in ballo nel processo di realizzazione della realtà). Bohr volle subito eliminare la figura di un osservatore cosciente, e pensò immediatamente come sostituirlo con diversi artifizi. In pochi anni fu quindi messa a punto la versione definitiva della “interpretazione di Copenaghen”, la quale sostituì ad esso una “reazione termodinamica irreversibile”, affinché quindi lo stato non oggettivo potesse diventare uno stato oggettivo. La cosa fa nascere però alcune perplessità: sembrerebbe infatti impossibile che l’esistenza del mondo microscopico debba dipendere da eventi termodinamici irreversibili, ovvero eventi “macroscopici”. Non dovrebbe essere il contrario? Cioè che il macroscopico dipenda dal microscopico? Per questo ed altri motivi, molti fisici tra cui in primis Wigner (ne abbiamo parlato illustrando …

Asteroide
Scienza
Due anni di oscurità: così l’asteroide ha sterminato i dinosauri

Prima l’impatto del gigantesco asteroide, poi i terremoti e gli tsunami. Il cielo si riempie di fuliggine e la Terra sprofonda nell’oscurità per due anni: ecco come i dinosauri si sono estinti 66 milioni di anni fa dalla faccia del pianeta. SCOPERTE – Circa 66 milioni di anni fa un asteroide largo dieci chilometri si è schiantato sulla Terra, nella regione oggi conosciuta come penisola dello Yucatan. L’impatto del gigantesco asteroide ha causato terremoti, tsunami ed eruzioni vulcaniche, ma soprattutto ha sollevato una coltre di fuliggine nell’atmosfera. I cieli si sono ricoperti di un manto nero e per due lunghi anni il pianeta è stato avvolto dall’oscurità. Le piante hanno smesso di eseguire la fotosintesi, il clima è cambiato e per i dinosauri sopravvissuti agli incendi e all’impatto non c’è stato scampo: tre quarti delle specie viventi sono scomparse durante l’estinzione del Cretaceo-Paleocene. Questo è lo scenario che spiega come è avvenuta l’estinzione dei dinosauri nello studio pubblicato sulla rivista Proceedings of the National Academy of Sciences e condotto da Charles Bardeen, scienziato del National Center for Atmospheric Research (NCAR), in collaborazione con i ricercatori della NASA e della University of Colorado a Boulder. I ricercatori hanno stimato la quantità di fuliggine prodotta dagli incendi causati dall’impatto dell’asteroide e sono stati …

ScienzaI libri del blogPassione scritturaCollabora con noi