Bislacche misurazioni quantistiche

lente 267x300 - Bislacche misurazioni quantisticheEcco, partiamo con il dire che la meccanica quantistica delinea un quadro davvero insolito della realtà fisica a livello microscopico, ma non per questo dovrebbe dare adito ad anomale supposizioni.

Vedremo ora come alcuni fenomeni quantistici, sembrino mostrare i limiti della consueta concezione oggettiva e materialistica dell’universo tanto cara agli studiosi dell’ottocento.

Alle scale microscopiche la natura non si comporta conformemente alle leggi della fisica classica, la fisica che descrive i fenomeni a noi più familiari.

Tutt’altro. E’ come se di punto in bianco l’universo cambiasse le carte in tavola.

Ad esempio, nel mondo che ci è dato sperimentare tutti i giorni (ambito della fisica classica), non vi sono limitazioni alla misurazione delle caratteristiche di un sistema fisico. Non c’è nulla che impedisca di misurare la posizione di un oggetto, la sua velocità, oppure tanto per dirne un’altra, la sua massa.

Non è però così nella meccanica quantistica.

La fisica quantistica è quanto di più curioso potrete affrontare in vita vostra.

Più di un koala vestito da scout, tanto per farvi un esempio.

Gli oggetti che fanno parte dell’ambito di tale teoria fisica, e che sono i mattoni fondanti di tutto ciò che osservate, si trovano in stati che potremmo denominare “indefiniti”, descrivibili solo mediante certe formule matematiche (come la “funzione d’onda” di Schrödinger).

La funzione d’onda ha quindi lo scopo di stabilire la probabilità che una particella si trovi in un posto anziché in un altro.

Occhio, e sottolineo: la probabilità che una particella si trovi in un posto anziché in un altro.

Se prendessimo ad esempio un elettrone – in virtù del Principio di Indeterminazione di Heisenberg – non potremmo determinarne simultaneamente posizione e velocità, dal momento che la precisione della misura dell’una inficia quella dell’altra.

Ed il motivo di tale perturbamento è presto spiegato.

Affinché l’elettrone possa essere individuato, esso dovrà essere necessariamente colpito da un fotone che venga deviato verso l’osservatore. Ciò però produce ovviamente una certa perturbazione.
Il fotone infatti, interagendo con l’elettrone, trasmette ad esso energia, modificandone velocità e direzione.
Affinché l’elettrone rimanga osservato occorre che un certo numero di fotoni lo urti. E’ evidente però che con questi urti i fotoni cedano la loro energia, la quale influirà sullo stato di moto del primo, modificandolo.

Volendo fare un esempio ancora più semplice: è come se io al buio, per determinare la posizione di una pallina da tennis, fossi costretto a lanciarle contro continuamente delle altre palline da tennis! E’ ovvio che prima o poi riuscirei a verificarne la collocazione, ma la stessa mediante tale tecnica ne verrebbe del tutto perturbata irrimediabilmente.

Ritornando a bomba sulla natura esplicita di una particella, dovete sapere che quest’ultima è possibile pensarla come in una “sovrapposizione di onde di probabilità”.

Come se essa fosse potenzialmente presente in molti differenti luoghi simultaneamente.

Ma cosa rende possibile il suo palesarsi?

La risposta è: la sua osservazione.

Quando ha luogo l’osservazione, la funzione d’onda “collassa”, e in questo esatto momento troviamo la particella in un posto preciso.

Evidenza mostrata in primis mediante il famoso esperimento della doppia fenditura.

citazione feynman 1 260x160 - Richard Feynman riguardo la fisica quantistica
Citazioni
Richard Feynman riguardo la fisica quantistica

Richard Feynman (IPA: [ˈfaɪnmən]) (New York, 11 maggio 1918 – Los Angeles, 15 febbraio 1988) è stato un fisico e divulgatore scientifico statunitense, Premio Nobel per la fisica nel 1965 per l’elaborazione dell’elettrodinamica quantistica.

eccitonio 260x160 - Un nuovo stato della materia: l’eccitonio
Scienza
Un nuovo stato della materia: l’eccitonio

L’esistenza dell’eccitonio era stata teorizzata cinquant’anni fa, ma fino ad oggi la dimostrazione della sua esistenza continuava a sfuggire agli scienziati RICERCA – Lo stavano cercando da cinquant’anni e alla fine lo hanno osservato per caso. Stiamo parlando dell’eccitonio, una forma di materia la cui esistenza era stata teorizzata da tempo, ma che non era mai stata osservata. La scoperta è stata pubblicata sulla rivista Science. Ad incappare nell’eccitonio è stato un team internazionale di ricercatori guidato da Peter Abbamonte, professore di fisica alla Illinois University, mentre spetta a Jasper van Wezel, professore di fisica della University of Amsterdam l’interpretazione teorica dell’esperimento che ha fornito la conferma della scoperta. “Ricordo che Anshul era molto eccitato dal risultato delle nostre prime misure sul TiSe2. Eravamo nel laboratorio in piedi vicino la lavagna quando mi ha spiegato che avevamo osservato per la prima volta qualcosa che nessuno aveva mai visto prima: un plasmone morbido”. Così Mindy Rak, dottoranda nel team di Abbamonte assiema al collega Kogar Anshul, richiama il momento in cui ha realizzato cosa era emerso dai dati. Il plasmone morbido di cui parla è proprio la prova dell’esistenza dell’eccitonio ed è stato osservato in cristalli di titanio diselenio (TiSe2), un materiale semiconduttore molto studiato …

bolla sistema solare 260x160 - La bolla gigante in cui siamo nati
Scienza
La bolla gigante in cui siamo nati

All’alba di un nuovo anno che inizia novità sull’inizio del Sistema Solare. Gli scienziati dell’Università di Chicago hanno elaborato una nuova teoria esauriente e che racconta la nostra storia, a partire da una bolla gigante in cui spirano potenti venti stellari. SCOPERTE – Immaginate una bolla densa di materia, racchiusa in un involucro e in cui spirano all’interno potenti venti stellari. L’incubatrice in cui sono nati il pianeta Terra e l’intero sistema solare avrebbe avuto proprio questo aspetto miliardi di anni fa. A elaborare una nuova ed esauriente teoria sulla nostra origine nell’universo sono stati i ricercatori dell’Università di Chicago, che si sono concentrati sull’intricato mistero delle diverse abbondanze degli isotopi dell’alluminio e del ferro presenti nel sistema solare. A creare la bolla che ci ha ospitato non sarebbe stata dunque una “semplice” esplosione di supernova, ma bensì una gigante stella di Wolf-Rayett, con una massa tra le 40 e le 50 volte pari a quella del nostro Sole, che era morta da tempo. I ricercatori guidati da Vikram Dwarkadas e Nicolas Dauphas hanno pubblicato il risultato ottenuto sulla rivista The Astrophysical Journal, dove spiegano la loro nuova teoria. Fino ad oggi infatti si riteneva che il sistema solare si fosse formato …

ScienzaI libri del blogPassione scritturaCollabora con noi